Si addensano nuvoloni sull’orizzonte dell’Inter COMMENTA  

Si addensano nuvoloni sull’orizzonte dell’Inter COMMENTA  

Massimo Moratti
Massimo Moratti

La crisi in cui sembra essersi avvitata l’Inter, rischia di avere gravissime ripercussioni anche per il futuro, anche se qualcuno sembra non accorgersene, perso nelle recriminazioni per un Triplete che sembra ormai lontano anni luce. Probabilmente, aveva capito tutto Mourinho, quando decise di separare il suo futuro da quello di una squadra che era arrivata chiaramente al capolinea e con un presidente, Massimo Moratti, che non poteva più garantire gli ingenti investimenti portati avanti per anni. Il problema, è che l’Inter non può assolutamente permettersi di sbagliare del tutto l’annata e di non raggiungere almeno l’obiettivo minimo della Champions League. A spiegare il perché è un servizio su Panorama e nel quale vengono snocciolate le cifre, che lasciano pochi dubbi  Dal 2003 al 2011 l’Inter ha incassato 223 milioni di euro dall’Uefa per le partecipazioni alla Champions League, il che vuol dire una media di circa 25 milioni di euro a stagione, una montagna di soldi che ha consentito ai nerazzurri di investire in maniera massiccia per portare a Milano un campione dietro l’altro. Oggi, in regime di Fair Play finanziario sposato da Massimo Moratti, senza quei soldi, l’Inter non potrà più avere un ruolo di primo piano sul mercato internazionale. Ecco perché la tifoseria dovrebbe stringersi intorno alla squadra e rimandare a stagione conclusa eventuali processi. Anche perché non è pensabile che in una situazione di crisi come quella in cui è precipitato il mondo occidentale, possano arrivare investitori in grado di spendere centinaia di milioni di euro, senza avere ritorni immediati. Questo sia nel caso che affianchino Moratti (come si era vociferato nel caso di fantomatici investitori russi), sia nel caso si pensasse ad un addio del numero uno nerazzurro.

Leggi anche: Champions League: Roma qualificata tra i fischi


 

Leggi anche

ambulanza-bloccata-in-campo
Sport

Ambulanza resta impantanata sul campo di rugby: i giocatori la spingono

Fare squadra significa anche reagire tutti insieme alle difficoltà, per superarle. E questo video lo mostra appieno: riguarda un infortunio avvenuto durante una partita di rugby di serie C tra Val Camonica e Casalmaggiore. Michele Prevedello, uno dei giocatori della squadra di casa, è caduto a terra, vittima di un infortunio piuttosto serio che ha richiesto l'intervento di un'ambulanza in campo, per soccorrerlo e portarlo al più presto in ospedale ed il match è stato per questo temporaneamente sospeso. Ma a causa delle condizioni del terreno, il mezzo di soccorso è rimasto completamente impantanato nel fango che si era formato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*