Sì al progetto per il terminal dei bus extrurbani

Bari

Sì al progetto per il terminal dei bus extrurbani

Il Cipe ha approvato il progetto del Comune di Bari per la realizzazione del terminal unico per gli autobus extraurbani che sarà costruito nell’area delle Ferrovie dello Stato prospiciente l’extramurale Capruzzi, zona individuata come sede per lo stazionamento dei bus.

Il progetto presentato nel settembre 2008 nell’ambito del Piano Urbano della Mobilità sarà finanziato con fondi statali. Con la realizzazione del terminal per i bus verrà riqualificato un edificio che nel progetto verrà adibito come sala d’attesa degli utenti.

L’approvazione del Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) è stata confermata qualche giorno dal consigliere incaricato del sindaco per la Mobilità sostenibile Antonio Decaro, dal presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli, dal rappresentante del ministero delle Infrastrutture Giuseppe Mele e dall’assessore provinciale ai Trasporti Giovanni Leonardi. Decaro ha espresso la sua soddisfazione: “”Comincia a prendere corpo l’idea complessiva di trasporto pubblico di questa amministrazione comunale; si tratta di un’opera fondamentale presente in molte città europee ed è strategica nell’ambito degli scambi intermodali gomma-ferro.

Peraltro, contribuirà concretamente a ridurre il traffico veicolare, l’inquinamento atmosferico e acustico della zona. Per l’amministrazione comunale è solo il primo passo di un percorso più ampio: intendiamo infatti realizzare dei parcheggi di scambio per bus extraurbani al di fuori della cintura cittadina, collegati al centro attraverso i binari, e trasformare con il tempo questo terminal nel capolinea dei mezzi Amtab”.

Quando verrà terminato il progetto definitivo con gli interventi complessivi previsti da Grandi Stazioni e dell’approvazione finale, entro la fine dell’anno saranno avviati i lavori che dureranno circa dieci mesi.

Successivamente il terminal ospiterà gli autobus delle linee extraurbane attualmente stazionanti sull’extramurale e in largo Ciaia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*