Come si chiama il nuovo autovelox 2017 e come funziona COMMENTA  

Come si chiama il nuovo autovelox 2017 e come funziona COMMENTA  

Grandi novità in arrivo per gli automobilisti, un nuovo autovelox tecnologicamente avanzato che non lascerà spazio ai ricorsi

Le forze dell’ordine stanno in queste ore, ed in alcuni punti d’Italia ben precisi testando quello che sarà il nuovo autovelox, un concetto tutto nuovo di controllo della velocità che ha come scopo principale evitare il grande numero di ricorsi di contestazione alle multe.


L’autovelox di nuova generazione si chiama TruCam Telelaser e possiede una scheda tecnica che promette un’efficienza superiore al sistema autovelox attualmente utilizzato, che verrà in buona sostanza sostituito.


Tante le novità di questo sistema:

  • Innanzitutto non sarà solo fotografico ma permetterà di realizzare dei filmati;
  • è stata elevata la qualità di risoluzione che adesso è UltraHD;
  • permette di accedere in tempo reale alle banche dati e di controllare in un secondo se il veicolo è in regola con la revisione o è coperto da assicurazione;
  • possiede un raggio di azione esteso a 1,5 km;
  • può arrivare a visualizzare non solo l’esterno ma anche l’interno dell’auto, quindi andare a controllare se viene indossata la cintura o se si sta usando il telefono mentre si guida.

La funzionalità video permetterà di tenere sotto controllo la velocità di un veicolo metro per metro in pratica, ed è con questa funzionalità che si promette di ridurre drasticamente i ricorsi. Possedendo un raggio d’azione molto elevato si vuole rendere vana l’azione di chi rallenta drasticamente per passare davanti l’apparecchio a velocità ‘legale’, per poi aumentare nuovamente la velocità.


Gli apparecchi già in dotazione alle forze dell’ordine ed in fase di test stanno fornendo dati notevoli riguardo ai risultati e si presume che, a stretto giro di posta, nuove apparecchiature saranno acquistate e fornite alle forze dell’ordine, per andare a sostituire i vecchi sistemi autovelox ritenuti oramai un po’ obsoleti e che presentano alcune ‘falle’ che il TruCam andrà a colmare.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*