Si suicida l’infermiera vittima dello scherzo telefonico sulla gravidanza di Kate Middleton

Esteri

Si suicida l’infermiera vittima dello scherzo telefonico sulla gravidanza di Kate Middleton

LONDRA, 7 DICEMBRE 2012 – Era stata archiviata come una notizia di gossip, è finita in una tragedia di cronaca nera. È stata trovata morta Jacintha Saldanha, l’infermiera che aveva suo malgrado favorito la divulgazione ad una radio australiana di informazioni riguardanti lo stato di salute di Kate Middleton. Da quello che emerge dai primi accertamenti, la donna si sarebbe tolta la vita.

Il corpo esanime della donna è stato trovato poco prima delle 9,30 locali presso un’abitazione poco lontana dall’ospedale dove lavorava, nel quartiere londinese di Marylebone, vicino a Regent’s Park.

Alle 5,30 del mattino di martedì, durante il suo turno di centralinista, la Saldanha aveva risposto ad una telefonata da parte dei conduttori radiofonici australiani, i quali si erano spacciati per la regina Elisabetta ed il principe Carlo e si erano interessati alle condizioni della moglie del principe William, ricoverata lunedì all’ospedale londinese King Edward VII per via della sua gravidanza.

Ingannata, la Saldanha aveva passato la chiamata ad una collega che si stava occupando di Kate, la quale aveva informato “la famiglia reale” sullo stato di salute della principessa in dolce attesa

Ovviamente l’infermiera e lo staff di sicurezza del King Edward VII erano finiti nell’occhio del ciclone, perché la struttura sanitaria in questione è l’ospedale di fiducia della famiglia reale e ha sempre vantato standard di sicurezza e di garanzia della privacy elevatissimi.

Oggi, però, il suicidio dell’infermiera, sposata e con due figli, mette la vicenda in tutt’altra luce.

In un comunicato del St. James’s Palace riferisce che «il duca e la duchessa di Cambridge esprimono profonda tristezza nell’apprendere della morte di Jacintha Saldanha».

Foto: Vanity Fair

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche