Si torna a parlare di Modric COMMENTA  

Si torna a parlare di Modric COMMENTA  

Non è facile seguire le vicende di calciomercato. A volte, le voci che compaiono sui mezzi di stampa, sono messe in giro ad arte dai procuratori per richiamare attenzione sui propri assistiti e magari alzarne il prezzo (con analogo decorso sulle loro provvigioni). Anche i dirigenti delle società, però, non scherzano sotto questo punto di vista: da un lato pompano il nome dei giocatori che vogliono vendere in modo da imbastire una vera e propria asta, dall’altro, se si tratta di comprare, alzano cortine fumogene in grado di depistare tutti, in modo da piombare a fari spenti sui loro obiettivi. Il mercato di gennaio dell’Inter, non sfugge a queste regole: si fanno tantissimi nomi, quasi tutti di grande spessore o sulla rampa di lancio, tanto che è difficile capire chi realmente possa arrivare e, soprattutto sia un vero obiettivo di mercato della società di Massimo Moratti. Anche Luka Modric, uno dei nomi che tornano ad agitare le acque in casa nerazzurra, resta difficilmente definibile: obiettivo reale e suggestivo, o nome fatto per depistare dai veri obiettivi? Il croato, da un paio di anni aleggia su Milano, ma l’Inter non ha mai fatto passi concreti per assicurarselo, anche perché la sua società, il Tottenham, non sembra avere alcuna intenzione di privarsene, soprattutto a gennaio. Ciononostante, nelle ultime ore, il centrocampista è stato di nuovo accostato ai nerazzurri, soprattutto in considerazione del fatto che Redknapp sembra deciso a puntare su Scott Parker in cabina di regia, eventualità che taglierebbe la strada della prima squadra a Modric, in quanto per proteggere le spalle a Parker, sembra molto più adatto il rientrante Sandro. Se l’esclusione di Modric, diventasse realtà, l’Inter potrebbe veramente provare ad inserirsi per portarlo a Milano, nonostante la quotazione molto alta del giocatore croato, ma il quadro resta ancora molto confuso, se si pensa che dal Brasile giungono voci di un deciso interesse nerazzurro per Casemiro e Paulinho, giocatori diversi ma che potrebbero comunque dare sollievo dal punto di vista anagrafico ad un centrocampo che mostra tutti i segni di una età media molto alta.

Leggi anche: Inter, esonero di de Boer: 24 allenatori in 22 anni


Luka Modric
Luka Modric

 

Leggi anche

sbaglia-davanti-alla-porta
Calcio

Sbaglia davanti alla porta, l’errore più assurdo di sempre

Trovarsi a pochi centimetri dalla linea di porta, e sbagliare clamorosamente il gol. E' accaduto in Serbia, nel corso di un match del campionato regionale di Belgrado caratterizzato da un colpo di scena 'in negativo'. Tutto a causa di un assurdo errore di un giocatore, con indosso la maglia numero 15, che ha trovato un varco sfruttando una svista della difesa ma che a sua volta ha commesso uno di quegli errori che certamente non dimenticherà mai. Dopo aver rubato il pallone sfuggito ad un avversario, il giocatore prima ha stupito tutti con un tunnel al portiere, spingendosi poi sotto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*