Sicurezza stradale: l’impegno della Provincia di Cuneo per il taglio dell’erba lungo le strade COMMENTA  

Sicurezza stradale: l’impegno della Provincia di Cuneo per il taglio dell’erba lungo le strade COMMENTA  

Cuneo – Una decina di trattori attrezzati di trinciatrice rimessi in funzione, decine di decespugliatori, ma anche falci e falcetti a mano. E’ l’attrezzatura di cui si avvalgono, in tempi di spending review, gli operai cantonieri della Provincia che in queste settimane stanno lavorando lungo i cigli delle strade provinciali per tagliare l’erba alta che impedisce la visibilità e ridurre, così, il rischio di incidenti stradali. Suddivisi nei quattro reparti di Cuneo, Alba, Saluzzo e Mondovì, i cantonieri sono già intervenuti nei punti più pericolosi all’altezza di incroci e rotonde e stanno procedendo lungo le principali direttrici, allargando via via il loro raggio di azione.

Leggi anche: Capodanno in piazza: ecco i più grandi eventi della notte di San Silvestro

“Siamo riusciti a rimettere in funzione molti mezzi operativi guasti o inutilizzati – spiega la presidente, Gianna Gancia e il vice presidente e assessore alla Viabilità, Giuseppe Rossetto – e grazie all’impegno dei nostri cantonieri saremo in grado di ripristinare le condizioni di sicurezza almeno nei punti più necessari. Stiamo poi svolgendo un’indagine esplorativa tra le ditte esterne per verificare la possibilità di un loro intervento a supporto, qualora potremo disporre di risorse finanziarie nel corso dell’estate in relazione alla predisposizione in corso del bilancio 2013. Desidero ringraziare tutto il personale, dai dirigenti, capi cantonieri e operai che stanno lavorando con il massimo impegno e in condizioni molto difficili”.

Leggi anche: Meteo: a dicembre temperature di 2,5 gradi sopra la media, è allarme smog

Nel reparto di Cuneo sono in funzione 2 trattori e una dozzina di decespugliatori per i punti più pericolosi. Un mezzo opera nel reparto di Alba e dalla prossima settimana ne entrerà in azione un secondo, oltre ai decespugliatori che permettono di intervenire in modo più preciso accanto ai guard rail e ai paracarri. Nel reparto di Saluzzo si sta lavorando con un trattore, mentre un secondo è in corso di riparazione. Anche qui i cantonieri utilizzano una dozzina di decespugliatori, così come nel reparto di Mondovì dove funzionano anche 3 mezzi con trinciatrice che tagliano l’erba lungo le direttrici di pianura.

Altri mezzi entreranno in funzione via via che saranno sistemati. In tal modo la Provincia sta rispondendo progressivamente alla necessità di mettere in sicurezza la viabilità on una manutenzione lungo i cigli stradali. Se per ragioni di bilancio gli interventi non potranno essere sempre ottimali come negli anni passati, è però grande lo sforzo della struttura per assicurare ai cittadini condizioni di viabilità quantomeno accettabili.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche

martello
Torino

Tragedia a Torino: uccide la moglie con un martello prima di impiccarsi

Un uomo di 69 anni ha ucciso la moglie 72enne con un martello, poi si è suicidato. All'origine del gesto, un debito contratto all'insaputa della famiglia. Un cruento omicidio-suicidio scaturito da un dramma della povertà: è quanto avvenuto, con ogni probabilità nella notte tra il 20 e il 21 ottobre, a Torino, nel quartiere Santa Rita. Le vittime sono Natalina Montanaro, 72 anni, e Francesco Tonda, 69, che vivevano da soli in un appartamento in Corso Orbassano 376: a scoprire i cadaveri, nelle prime ore della mattinata, il figlio della coppia, allarmato da alcuni SMS inviatigli dal padre. È stato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*