Simtastico! The Sims sono una forza tra i giochi per PC COMMENTA  

Simtastico! The Sims sono una forza tra i giochi per PC COMMENTA  


Tutti vogliono essere qualcun’altro, anche se solo per poco. D’altra parte, forse le persone vogliono solo controllare altre persone. Qualunque sia il motivo, giochi come The Sims, World of Warcraft e Second Life, non sarebbero un successo planetario, se le persone non amassero il loro format. The Sims può non essere stato il primo gioco di simulazione umana sul mercato, ma è riuscito ad attirare l’attenzione della gente come nessun altro prima. Nel 2010, i creatori di The Sims hanno pubblicato i dati delle vendite: 2.5 miliardi sono stati versati dai giocatori famelici per questo videogioco.


All’inizio

Electronic Arts, i creatori di SimCity, rilasciarono The Sims nel 2000, ottenendo recensioni positive e successi nelle vendite. Le persone amavano l’idea di personalizzare i personaggi e le case e di assisterli nella vita quotidiana. Per qualsiasi ragione, persone di tutte le età furono immediatamente attratte da questo gioco. La grafica non era fantastica, ma era abbastanza buona, in base agli standard del mercato attuale. Le persone sembravano, ebbene, persone! Era una sorta di piacere colpevole: anziché vivere la propria vita, potevate crearne un’altra e guardarla progredire. Ho avuto la mia copia nel 2001 e mi ricordo che passavo più ore al computer che altrove!( A meno che non metta in conto tutto quello che sono riuscito a far fare al mio avatar, nel qual caso potrei dire di essere stato piuttosto efficiente).

Lo stile di vita

The Sims hanno dato alle persone tutto ciò che non sapevano di volere da un videogioco: una distrazione dalle loro vite reali, una sensazione di controllo sulla vita e la possibilità di personalizzare tutto ciò che vi era coinvolto. Il vostro “Sim” era un personaggio che voi controllavate. Potevate avere molti Sim, ma controllare solo quelli appartenenti a una famiglia per volta. Potevate scegliere l’aspetto fisico del vostro Sim, dove viveva, che cosa indossava, come era decorata o costruita la sua casa, dove lavorava, chi erano i suoi soci e che cosa mangiava. Per rimanere sani, dovete mangiare regolarmente, andare in bagno (o ve la farete addosso!) e perfino socializzare con gli altri. Se davvero vi piaceva un altro Sim nel gioco (ed eravate ricambiati, ovviamente), potevate chiedergli di venire a vivere con voi. L’evoluzione del lavoro e dei rapporti interpersonali erano una parte importante del gioco. Alcune attività potevano farvi avere maggiore successo a lavoro o guadagnar terreno con il vostro partner ideale.


Controversia

Niente può essere grande, senza qualche controversia. The Sims ha innervosito alcuni genitori, facendo cose come mostrare i Sim in doccia (le parti intime erano oscurate), far baciare due Sim finché non avevano un bambino (il bambino appariva nella stanza, senza il bisogno di “zozzerie”), permettendo la formazione di coppie omosessuali.


Evoluzione

La popolarità di The Sims ha portato a ulteriori uscite del gioco. All’inizio, i giochi rilasciati erano pacchetti aggiuntivi per il gioco originale. Questi extra offrivano nuovi siti per le vacanze, nuovi oggetti da comprare, nuovi personaggi, la possibilità di portare animali domestici a casa e molte altre opzioni. Quando si capì il vero potenziale del gioco, si realizzò una versione online. Dal momento che molte persone preferivano giocare con le console, la EA decise di realizzare versioni del gioco per Playstation, Xbox, e più tardi, per Nintendo Wii e DS. I giochi sono ancora prodotti. Katy Perry si è perfino prestata a fornire la sua immagine per The Sims 3 Showtime Expansion Pack.

L'articolo prosegue subito dopo


The Sims è il mio gioco per PC preferito, per tutto quello che ho appena detto. Di recente, ho regalato il videogioco originale di The Sims e altri videogiochi a mia nipote, e ho avuto la prova che questo gioco non soffre il passare del tempo. Sarà sempre divertente essere qualcun’altro o, almeno, dire loro che cosa fare.

Leggi anche

Tecnologia

Firma digitale: quante se ne possono avere

Nel nostro sistema giurisprudenziale, la firma digitale viene definita per la prima volta nel DPR 10 novembre 1997 n. 513 che disciplina la” formazione , l’archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici”. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*