Sindrome di Down , il medico la indusse ad abortire lei gli scrive una lettera commovente COMMENTA  

Sindrome di Down , il medico la indusse ad abortire lei gli scrive una lettera commovente COMMENTA  

Una bimba affetta da sindrome di down

La lettera che ha commosso il web della madre di Eversyn la piccola bambina affetta da sindrome di Down, al ginecologo che le consigliò di porre fine alla gravidanza

Ha commosso tutti la lettera scritta dalla gestante che porta in grembo una bambina affetta da sindrome di Down, al medico che ebbe modo di consigliarle di abortire a pochi mesi dalla nascita e che rese più complicata la gravidanza. Il pregiudizio nei confronti dei soggetti affetti da sindrome di down, evidentemente, non è una pessima prerogativa di persone ignoranti ma anche di una parte dei ginecologi.

Leggi anche: Udine: madre picchia brutalmente sua figlia perché non porta il velo


E spesso vanno a vuoto tutte le campagne per far capire alla gente comune che la sindrome di down non rende le persone affette meno dignitose di quella considerate sane. Si chiama Emersyn la bambina nata già da 15 mesi e affetta da questa malattia genetica. Un misto di grande vitalità e di dolcezza del quale il mondo sarebbe stato privato se la madre avesse deciso di accogliere il consiglio del proprio ginecologo.

Leggi anche: Matrigna sposa figliastra: ok dal tribunale


La madre Courtney non è mai stata cosi convinta della scelta di portare avanti la gravidanza quanto oggi, che può godersi la gioia di crescere la propria perla. Proprio per questa ragione, Courtney ha deciso di scrivere una lettera al proprio ginecologo, che rappresenta senz’altro anche una lezione di vita per tutte le madri che vivono la stessa esperienza e per quanti nutrono ancora assurdi pregiudizi nei confronti delle persone affette da sindrome di down.


Nella lettera la donna attacca il ginecologo per lo stolto consiglio che le diede di mettere fine alla gravidanza: ‘Sono venuta da te nel periodo più difficile della mia vita – scrive Courtney al medico che la ebbe in cura – io ero terrorizzata e ansiosa.

L'articolo prosegue subito dopo

Speravo di sapere la verità da te, ma invece di aiuto e incoraggiamento mi consigliasti di abortire. Ti avevo pronunciato il suo nome, ma tu mi avevi ammonito sui rischi che avrei corso. Mi hai detto che la qualità della nostra vita si sarebbe abbassata crescendo una figlia con la sindrome di Down. Mi hai reso difficile la vita perchè non mi hai detto la verità. La mia bambina era assolutamente perfetta‘.

Leggi anche

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste
Esteri

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste

 Tre donne: la presidente cinquantenne del consiglio comunale di Imatra, Tiina Wilén-Jappinen e due giornaliste, una trentenne l'altra sui cinquanta, sono state assassinate da un uomo. Tre donne  assassinate da un uomo solo, il 23enne Jori Lasonen, proprio all'entrata di un ristorante nel quartiere della vita notturna della cittadina meridionale di 28mila abitanti a circa 230 chilometri dalla capitale Helsinki e non lontano dal confine russo. L'uomo è un pregiudicato che nel 2013 aveva già aggredito con un pugnale alcuni passanti, uomo che è stato arrestato ed è adesso sottoposto a stringenti interrogatori. Afferma però  la portavoce della polizia, la Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*