Fragole, allergie, sintomi e rimedi

Salute

Fragole, allergie, sintomi e rimedi

allergia alle fragole
fragole

Quali sono i sintomi dell'allergia alle fragole? Quando si può parlare di allergia e quando di intolleranza? Scopriamo che cosa fare.

Col termine allergia alimentare si intende una sintomatologia scatenata entro pochi minuti dall’assunzione di un determinato alimento. L’allergia alle fragole, quindi, è una reazione di tipo immunologico, cioè propria del sistema immunitario.

  • Le allergie danno reazioni nel breve periodo, di norma dopo pochi minuti o al massimo entro una-due ore dal contatto con l’alimento, per cui si riconosce uno stretto rapporto di causa ed effetto;
  • L’intolleranza si limita a dare effetti spiacevoli e fastidiosi, come dolori addominali, diarrea, mal di testa, ma non si tratta mai di reazioni gravi. Inoltre, può esprimersi anche dopo qualche ora o nel giorno seguente.

Esistono poi, delle reazioni pseudo-allergiche che si verificano dopo l’ingestione di un cibo contenente sostanze istamino-liberatrici. Tra le reazioni pseudo-allergiche troviamo quelle relative alle fragole.

Allergia alle fragole

I sintomi più comuni dell’allergia alla fragola sono di tipo orale. Si verificano, cioè, nella gola e nella bocca.

Essi possono variare da formicolio, prurito e gonfiore di tutta la zona che comprende bocca, gola e palato. Inoltre, è possibile che si verifichi una consistente lacrimazione degli occhi, asma e starnuti ripetuti. La rinite allergica comprende tra i suoi sintomi il prurito intra-nasale, l’ostruzione e lo sgocciolamento del naso. È soprattutto a livello epidermico che si verificano i sintomi più visibili. Infatti, non è raro che possano comparire rush cutanei. Questi sono dei cambiamenti del colore e dell’aspetto della pelle, di solito sotto forma di bollicine, gonfiore e rossore. L’allergia e la pseudo-allergia alle fragole possono innescare nei soggetti allergici prurito, orticaria e dermatite da contatto, in forme anche piuttosto estese e gravi.

I sintomi più gravi

Tra i sintomi più gravi ci possono essere crampi, vomito, diarrea. Nei casi ancora più gravi, alcuni sintomi possono essere di enorme portata. Seppure rare, le reazioni anafilattiche possono addirittura risultare fatali.

Queste comprendono, infatti, gonfiore alla gola che può portare a difficoltà e impossibilità di respirazione. Chiedere immediatamente un trattamento medico se i sintomi comprendono la costrizione delle vie aeree, rendendo difficile la respirazione oppure, ancora più grave, lo shock con una perdita grave della pressione arteriosa, accelerazione del battito cardiaco o vertigini e stordimento.

Come curare l’allergia alle fragole

I sintomi meno gravi i possono essere alleviati attraverso gli antistaminici, considerando che servono proprio per bloccare i sintomi delle allergie. Se ci si accorge di reazioni diverse dal solito è opportuno rivolgersi al medico,in modo da poter ricevere una diagnosi specifica. E’ fortemente sconsigliato ricorrere a farmaci e soluzioni fai da te. Chi risulta già essere allergico a determinati tipi di alimenti è opportuno che svolga analisi sempre più dettagliate per evitare di ritrovarsi in situazione spiacevoli. Si dovrebbe, in qualsiasi caso, andare da un medico non appena compaiono sintomi strani.

Se subito dopo aver mangiato delle fragole si nota un cambiamento a livello cutaneo è probabile che si in atto una reazione allergica o pseudo-allergica.

Rimedi naturali

Per contrastare e prevenire i fastidiosi sintomi dell’allergia, è possibile utilizzare alcuni rimedi naturali che hanno la stessa funzione degli antistaminici, cioè quella di legarsi ai recettori cellulari per l’istamina contrastando l’azione di quest’ultima. L’istamina è una sostanza responsabile delle reazioni allergiche, infatti viene prodotta solo nel momento in cui ci trova a contatto con un allergene.

Due antistaminici naturali sono:

Per saperne di più

Per combattere ogni tipo di allergia L-ARGININA è il nuovo prodotto di origine tedesca che oltre alla funzione anti-allergene è un ottimo integratore alimentare.

Per un uso continuo, fornisce risultati immediati e soddisfacenti grazie alla nuova formula ideata da un team di ricercatori specializzati.

Adatto a prevenire l’allergia è il set di filtri ultra traspiranti Woody Nose, ideati per bloccare gli allergeni presenti nell’ambiente e per generare sollievo in poco tempo. Composto da diversi filtri di ricambio, è un prodotto che migliora rapidamente il senso di chiusura del naso e favorisce il passaggio dell’aria.

Allergia fragole nei bambini

Le allergie alimentari sono più comuni nei primi 3 anni di vita, ma si possono presentare a qualsiasi età. La maggior parte delle reazioni allergiche riguardano alcuni alimenti, tra cui le fragole. Come tutte le allergie i sintomi più comuni nel bambino, che ha subito una reazione allergica dopo aver mangiato le fragole sono:

1. Prurito al palmo delle mani e dei piedi
2. Rossore e gonfiore generalizzato e orticaria
3. Difficoltà respiratorie
4. Dolori addominali
5. Vomito e diarrea
6. Abbassamento della voce e raucedine
7. Debolezza da calo della pressione

Ma a differenza di altre allergie, il problema dell’allergia alle fragole è che i sintomi non si manifestano solo se si ingeriscono ma anche solo per aver avuto un contatto con esse.

Come diagnosticare le allergie alimentari nel bambino?

Le allergie si possono diagnosticare in due modi:

  • con il test in vivo: consiste nel mettere un estratto dell’alimento a contatto con la pelle del bambino e vedere se a distanza di alcuni minuti compare un bozzolo,simile ad una puntura di zanzara.
  • con il test in vitro: che dosa le IgE specifiche verso l’alimento in toto o verso le singole proteine che compongono l’alimento.

Cosa fare se un bambino risulta essere allergico?

Fino ai 5-6 anni l’alimento al quale si è allergici va necessariamente eliminato dalla dieta. Dopo quest’età, l’80% dei bambini “guarisce” dall’allergia verso alcuni alimenti (tranne per pesce e frutta secca). Questo perché probabilmente il sistema immunitario , non avendo ricevuto stimolazioni per lungo tempo da un determinato alimento, lo “dimentica” e non lo attacca più. Oggi, però, sempre più diffuse sono le allergie che si manifestano in età adulta, verso alcune proteine di frutta e verdure.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche