Siracusa, lotta al lavoro nero: Gdf scopre 47 casi

Catania

Siracusa, lotta al lavoro nero: Gdf scopre 47 casi

SIRACUSA – La Guardia di finanza di Siracusa ha individuato 47 lavoratori in nero o comunque irregolari nel corso di controlli in diverse attivita’ economiche i cui 18 titolari sono stati denunciati alla Procura. Le verifiche sono state eseguite nel capoluogo e a Noto, Avola, Lentini, Pachino, Priolo e Augusta. Tra i casi piu’ rilevante di lavoro sommerso, un supermercato di Augusta che impiegava 11 addetti irregolari, mentre altri 12 sono stati scoperti in due diversi cantieri edili di Noto e dieci a Pachino in un’impresa di costruzioni. A Priolo, 2 lavoratori in nero erano utilizzati in una profumeria e altri ne sono stati identificati presso ristoranti, barbieri, sale giochi, bar, “compro-oro”, fotografi, panetterie. A carico dei datori e’ prevista una sanzione amministrativa che va da 1.500 a 12.000 euro per ogni lavoratore in nero, maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro svolto. Per alcune imprese, inoltre, verra’ proposta la sospensione dell’attivita’ perche’ impiegavano in nero piu’ del 20% del loro personale.

(Agi)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*