Siria, G20 diviso

Esteri

Siria, G20 diviso

La crisi siriana al centro del G20 a San Pietroburgo. Una riunione dedicata ai temi degli aiuti umanitari e dei rifugiati nell’area apre i lavori di questa seconda e ultima giornata di vertice. Ieri faccia a faccia tra il presidente russo Putin e il premier britannico Cameron. Posizioni ancora molto distanti tra le diplomazie mondiali: Stati Uniti e Francia confermano il sì all’attacco, sul fronte opposto Russia e Cina.

Intanto domani è la giornata di preghiera e di digiuno indetta dal Papa per la pace in Siria e in Medioriente. Infinite le adesioni anche tra le fila di altre confessioni religiose, per una mobilitazione che ha assunto proporzioni mondiali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche