Dopo il sisma, danni ingenti al patrimonio artistico nel centro Italia COMMENTA  

Dopo il sisma, danni ingenti al patrimonio artistico nel centro Italia COMMENTA  

 

Dopo il sisma che ha colpito il Centro Italia, sono stati stilati nei giorni scorsi i dati redatti dal comando per la tutela dei Beni culturali che ha fatto una priva stima di danni.  Oltre alla tragedia dei morti si aggiunge anche quella del patrimonio artistico. Secondo i dati infatti, sono ben duecentonovantatre i beni culturali colpiti solo nella zona più ristretta, di cui cinquanta tra quelli gravemente danneggiati o crollati”. Oltre alla ricostruzione del patrimonio collettivo però bisogna tenere conto la messa in sicurezza delle macerie e l’eventuale soccorso alla popolazione. Come ha dichiarato il ministro della cultura Dario Franceschini la ricostruzione di questi borghi storici che devono ritornare splendidi  e simili a com’erano inizialmente è una sorta di sfida che dobbiamo cogliere garantendo e assicurando però la loro sicurezza antisismica.

Leggi anche: Lista Rossa Italia Nostra: ecco i beni culturali a rischio nel nostro paese

Fonte Foto: arte.it

 

 

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*