Sisma in Emilia, un anno dopo la catastrofe

News

Sisma in Emilia, un anno dopo la catastrofe

E’ già trascorso un anno da quella notte del 20 maggio nella quale un forte terremoto di magnitudo 5.9 ha seminato distruzione nella bassa emiliana. Oggi è il giorno del ricordo per i centri colpiti nel Ferrarese e nel Modenese ma è anche il giorno per fare un primo bilancio sulla ricostruzione. Oltre alle case, anche diversi edifici pubblici e religiosi sono infatti crollati o parzialmente crollati in seguito al sisma che ha colpito alle 4.03 ma anche alla sua replica del 29 maggio. Oggi è una giornata importante, ricordata anche da Papa Francesco dopo la messa di Pentecosta in Piazza San Pietro; La presidente della Camera Laura Boldrini invece chiuderà la seduta straordinaria del consiglio provinciale di Ferrara dove renderà omaggio alla memoria delle persone scomparse ed esprimere la vicinanza ai loro famigliari, insieme a Vasco Errani, presidente della Regione e commissario per la ricostruzione.

Nelle zone colpite dal terremoto saranno diverse le cerimonie organizzate per ricordare le vittime e per non abbassare l’attenzione sulla ricostruzione che sta interessando molti paesi. In programma vi sono anche inaugurazioni, di chiese e strutture pubbliche. E poi feste e divertimento, cercando così di tornare alla normalità e dare un segnale di vitalità in un territorio che non deve morire o essere lasciato a sè stesso. Le iniziative proseguiranno fino al 29 maggio, altro giorno simbolico e secondo anniversario del terremoto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...