Situazione Tevere: Roma allagata

Roma

Situazione Tevere: Roma allagata

Centro Italia in ginocchio per il maltempo, che ha flagellato Toscana, Umbria e alto Lazio. A Roma a seguito dell’esondazione del Tevere si sono verificati allagamenti nella zona nord della capitale.

Allagamenti a Castel Giubileo e all’alba anche in via Flaminia altezza della stazione La Celsa che è stata chiusa. Chiuso al traffico veicolare e pedonale via dei Prati Fiscali da largo Valtournache a via Salaria. Chiusi al traffico anche il sottopasso di Tor di Quinto in direzione centro e la rampa di accesso alla galleria giubileo 2000 in direzione Terni. Sul Grande Raccordo Anulare di Roma, all’altezza del km 18,500, provvisoriamente chiuso al traffico in carreggiata esterna lo svincolo di Castel Giubileo, solamente in direzione Castel Giubileo.

A causa di un allagamento dovuto all’innalzamento Tevere, sulla strada statale 4 ‘Salaria’ è stato inoltre provvisoriamente chiuso al traffico in entrambe le direzioni il tratto compreso tra il km 29.300 (incrocio con la strada provinciale 35d) e il km 34.100 (innesto con la strada statale 4dir, presso Passo Corese), tra le province di Roma e Rieti.

Nei pressi si via Salaria è stata evacuata la sede di Invitalia di Via Boccanelli.

La piena ha messo fuori servizio il pronto soccorso dell’ospedale Fatebenefratelli, che sorge al centro del Tevere, sull’isola Tiberina.

“L’acqua alle 7.00 di questa mattina ha superato di 70 cm il livello dell’esondazione del 2010. Un record per gli ultimi 35 anni – afferma all’Adnkronos Salute Franco Ilardo, responsabile dell’ufficio stampa dell’ospedale – abbiamo chiuso il pronto soccorso e sono inagibili i reparti di diagnostica con mezzi di contrasto e radioterapia. Nessun allarme e nessun pericolo di evacuazione per i ricoverati – assicura – perché si trovano a un livello superiore a quello della strada. Anche tutte le attività d’assistenza proseguono normalmente”. “Siamo però in attesa – prosegue Ilardo – di un possibile picco della piena previsto nel primo pomeriggio. Mentre per rimettere in servizio i reparti allagati serviranno almeno 4 giorni”.

Il Tevere è esondato a Torrita Tiberina, in località Cannaro e a Pantano (Monte Rotondo). A Cannaro sono stati sommersi dall’acqua cinque ettari di terreno coltivato mentre a Pantano sono state invase alcune strade della zona industriale e un canile.

Gli animali sono stati trasferiti in zona sicure. Non ci sono feriti. Sul posto i carabinieri.

Questa mattina all’alba il barcone del circolo Canottieri Aniene, già messo in sicurezza all’altezza di Ponte Milvio, non ha resistito alla pressione dell’acqua e si è spezzato in più punti. La Protezione civile di Roma ha deciso l’apertura del Centro Operativo Comunale (Coc) a Porta Metronia e ha rafforzato i presidi di vigilanza e pronto intervento sulle tratte di Tevere e Aniene.

Secondo quanto rilevato dal Centro Funzionale dell’Ufficio idrografico regionale alle ore 8.30 i livelli del Tevere hanno raggiunto 12.79 metri nella stazione di Ripetta.

A1 – Autostrade per l’Italia ha comunicato che sull’A1 Milano-Napoli è stato riaperto ai mezzi leggeri, con una deviazione sulla carreggiata nord, il tratto tra Orte e Valdichiana in entrambe le direzioni.

(Fonte Adnkronos)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche