Smantellata dai Ros, cellula terroristica in Italia: 16 arresti

News

Smantellata dai Ros, cellula terroristica in Italia: 16 arresti

La magistratura romana ha emesso 16 ordinanze di custodia cautelare che riguarderebbero cittadini curdi e un kosovaro appartenenti a delle cellule terroristiche con base in Italia. Le ordinanze sono state eseguite dai carabinieri del Ros in Italia e in diversi Paesi europei. Si apprende da fonti Ansa che alcuni degli indagati sarebbero morti in combattimento in Iraq e in Siria.

Alle indagini hanno collaborato anche autorità giudiziarie e di polizia di Regno Unito, Norvegia, Finlandia, Germania e Svizzera, coordinate dal servizio Eurojust.

A capo dell’organizzazione che è stata fatta oggetto dei provvedimenti dei carabinieri del Ros sono Faraj Ahmad Najmuddin, conosciuto come Mullah Krekar,attualmente in stato di prigionia in Norvegia, e conosciuto alle forze dell’ordine per essere stato il fondatore nel 2001 del gruppo terroristico Ansar Al-Islam.

Da ciò che si evince dalle indagini in corso la cellula terroristica in europa aveva in Norvegia la sua mente e cellule in diversi Paesi, tra cui una importante cellula proprio esistente in territorio italiano.

Stando a quanto si apprende dalle indagini svolte dai Ros, il mullaj Krekar ‘ha continuato a rappresentare la guida non solo ideologica dell’organizzazione, mantenendone anche la direzione strategica sulle questioni più importanti, quale la partecipazione al conflitto siriano o la decisione di allinearsi con Isis’.

Una gran parte delle indagini è stata effettuata attraverso internet, un canale molto battuto dagli affiliati per scambiarsi informazioni e documenti, che servivano ad organizzare attentati e azioni dimostrative: ‘Internt ha consentito agli indagati di annullare le distanze tra gli associati, residenti in diversi Paesi europei, permettendo loro di mantenere una forte coesione di gruppo, rafforzata dalla periodica e frequente partecipazioni a chat virtuali, e di rimanere in contatto con la propria guida spirituale‘.

Secondo il rapporto dei Ros, l’organizzazione era diventata nel tempo sempre più ‘più insidiosa, rimanendo gerarchicamente strutturata, con il proprio vertice in Norvegia, ed articolata in cellule operative in numerosi paesi, tra cui un’importantissima articolazione in Italia’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...