Smart, due ruote in meno e un motore elettrico COMMENTA  

Smart, due ruote in meno e un motore elettrico COMMENTA  

Smart scooter In questi giorni è previsto un appuntamento importante per tutti gli appassionati del mondo dei motori come il Salone di Parigi, un evento a cui ogni anno partecipano le pià importanti aziende del settore con lo scopo di presentare i loro modelli di punta che potremo cominciare ad apprezzare meglio nei mesi successivi, ma qta il gruppo Mercedes Benz ha scelto di non paertecipare all’iniziativa solo attraverso le sue automobili, ma anche attraverso un nuovo scooter dotato di motore elettrico e targato Smart.

Leggi anche: Migliori programmi per tagliare canzoni

Il veicolo prende il nome di EScooter e per ora costituisce ancora un prototipo e rappresenta un aspetto molto positivo dato che è la conferma della volontà di Smart di posizionarsi in un mercato nuovo come quello delle moto in cui potrà piazzarsi in modo positivo sfruttando le potenzialità del motore elettrico che era già stato precedentemente montato sulle automobili.

Leggi anche: Tethering Usb non funziona: cosa fare

Per quanto riguarda le caratteristiche estetiche, si è cercato di ammorbidire le linee e in parte può assomigliare a una Vespa, modello ormai risalente a qualche decennio fa ma di cui certamente la casa tedesca di augura di ripercorrere il successo.

La batteria che è stata montata è certamente di buon livello ed è agli ioni di litio, un aspetto utile per poter arrivare a una buona autonomia che secondo indiscrezioni in questo caso potrebbe attestarsi attorno ai 100 km.

L'articolo prosegue subito dopo

Chi dovesse scegliere già nel primo periodo di messa in vendita di acquistare lo scooter potrà inoltre contare su una rete sempre più vasta di punti di ricarica e si spera inoltre in questo modo di abbassare sempre di più il livello di CO2 che viene immesso nell’aria. Immagine tratta dal sito www.freakingnews.com

Leggi anche

Windows Store.
Tecnologia

Windows Store non scarica app: cosa fare

Download bloccati per motivi imperscrutabili: cosa fare quando il mai particolarmente munifico Windows Store non scarica le app? Ecco alcuni suggerimenti. Nella maggior parte dei casi, gli utenti di sistemi operativi come Windows o Android, ma anche di i normali possessori di un PC, per i loro acquisti telematici di software "utile", preferiscono andare a colpo sicuro su prodotti certificati e dalla verificata e verificabile reputazione. Ecco perché le principali fonti di aggiornamento di app e software rimangono i negozi online "ufficialmente riconosciuti", come Google Play o Windows Store. Per quanto riguarda quest'ultimo, tuttavia, c'è da registrare un bug alquanto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*