Snejider sta diventando un problema per l’Inter? COMMENTA  

Snejider sta diventando un problema per l’Inter? COMMENTA  

Wesley Snejider
Wesley Snejider

Ormai Wesley Snejider sta trasformandosi in un vero problema per l’Inter. Dopo essere stato fuori per infortunio a lungo, sembrava che il suo rientro potesse consegnare una ulteriore arma a Claudio Ranieri nella rincorsa al vertice della classifica.

Invece, l’olandese non è riuscito ancora a dare il rendimento che tutti conoscevano e ha messo in mostra un nervosismo evidente, rivolto non solo verso gli avversari, ma anche verso gli stessi compagni.

In tal modo ha destabilizzato uno spogliatoio che sembrava aver assunto un equilibrio faticoso, ma stabile. Anche dal lato tattico, più che una risorsa, Snejider rischia di mutarsi in un problema.

Ranieri, infatti, sta studiando una formula che prevede il contemporaneo impiego suo e di Ricky Alvarez, dietro ad un solo attaccante centrale. Questa formula porterebbe alla esclusione di uno tra Milito e Pazzini, ma potrebbe avere il vantaggio di aggiungere al gioco nerazzurro quella qualità che è mancata nelle settimane della rimonta.

L'articolo prosegue subito dopo

Al contempo, però, andrebbe parzialmente a minare quella solidità da squadra bruttina ma dura come la roccia, che era diventato il marchio di fabbrica dell’Inter ranieriana. Se ciò avesse il potere di restituire il solito Snejider, potrebbe anche essere accettabile, ma l’olandese, per ovvi motivi non è al top. Inoltre, si ha quasi l’impressione che lui si senta ormai un corpo estraneo, quasi fosse già con la mente rivolta alla prossima stagione e alla possibile avventura in Premier League. Se così fosse, Moratti potrebbe amaramente rimpiangere la decisione di non aver ascoltato le sirene provenienti dalla perfida Albione e non aver proceduto subito alla cessione e alla sostituzione con un giocatore più motivato. Adesso sta a Snejider smentire nella maniera più decisa le congetture che si fanno sulla sua situazione. Ne avrà la voglia e la capacità?

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*