A solo sette anni accudisce il padre paralizzato

Cronaca

A solo sette anni accudisce il padre paralizzato

La storia di Ou Yanglin, 7 anni, “costretto” ad accudire il padre 37enne, Ou Tongming, paralizzato dopo un incidente sul lavoro, sta facendo il giro del mondo. La loro vicenda ha inizio nel 2013, quando l’uomo, un operaio di Wangpu nella provincia di Guizhou, nel sud-ovest della Cina, è caduto dal secondo piano di un palazzo in costruzione, riportando una lesione alla spina dorsale ed è rimasto paralizzato dalla vita in giù. Da allora, la situazione della famiglia si è costantemente aggravata, soprattutto dal punto di vista economico, fino a quando la moglie dell’operaio non ha abbandonato il tetto coniugale portandosi via la bimba di tre anni.

Da quel momento in poi, il piccolo Ou Yanglin è divenuto improvvisamente grande e ha iniziato a prendersi quotidianamente cura del padre allettato, medicandogli le piaghe da decubito. Purtroppo, le condizioni economiche sono particolarmente gravi: i due sono costretti a sopravvivere con l’equivalente di 43 euro al mese che viene concesso al genitore come assegno di sostegno per la disabilità.

Il bambino però non sembra arrendersi di fronte a queste difficoltà: “Mio padre ha bisogno di cure, ma io non ho soldi. Spero di crescere presto per avere del denaro per le sue medicine. Non posso vivere senza mio padre”.

Non nasconde invece di aver manifestato intenzioni suicide il padre 37enne, che ai quotidiani cinesi ha spiegato: “Ritenevo di essere un peso per mio figlio. Poi ho pensato che non potevo lasciare il mio bambino da solo, era un pensiero insopportabile”. La vicenda non ha lasciato indifferente l’opinione pubblica, tant’è che da più parti sono stati rivolti appelli per l’istituzione di un fondo per offrire un aiuto finanziario alla famiglia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche