“Sono videogioco-dipendente”. L’esperienza di un adulto americano COMMENTA  

“Sono videogioco-dipendente”. L’esperienza di un adulto americano COMMENTA  


“Ciao, mi chiamo Mark e sono videogioco-dipendente. Sono sobrio da sei ore.

Alla fine troverò un gruppo che mi aiuterà a superare questa malattia, perché è di questo che si tratta: di una MALATTIA.


Sono un ingegnere di mezz’età con una moglie deliziosa e quattro bellissimi bambini (tutti maschi – perciò adorano i videogiochi). Mi sono reso conto che dipendevo dai videogiochi quando il mio primogenito ha comprato MW2 nel 2009. All’epoca avevamo solo una console_ un Xbox 360.


Giocavo in ogni occasione. Prima di andare a lavoro, alle 5 del mattino, stavo affrontando scontri letali con persone casuali provenienti chissà da quali parti del paese. Mentre cullavo il bambino di un anno, per farlo addormentare, mi lanciavo in una partita dove dovevo prendere la bandiera. A tarda notte, mentre la mia famiglia dormiva, ero sdraiato sull’erba, aspettando che qualche balordo mi capitasse a tiro.


Questo non è insolito. Un sacco di persone adora Modern Warfare 2. Come so di essere dipendente? Non sono bravo a questo gioco. Sono un mangiatore di proiettili. Vengo ucciso in ogni partita. Sono, con tutta probabilità, il giocatore con il punteggio più basso di tutti i tempi. Tuttavia, non riesco ad averne abbastanza di questo gioco. Questa è dipendenza. Faccio pena a questo gioco, ma non riesco a smettere.

L'articolo prosegue subito dopo


Con il passare degli anni ho sviluppato la mia dipendenza da videogiochi. Adesso ho in casa 3 Xbox 360, un Nintendo Wii, 4 iPhone, 3 portatili e un IMac. I miei bambini amano il fatto che io sia dipendente dai videogiochi. Mia moglie non tanto. Con tutte le opportunità che mi sono creato, non rimango mai senza un gioco in mano e puntualmente faccio pena in tutti. Da Angry Birds a Madden, sono senza eguali. Anche mio figlio di tre anni mi batte a Mario Cart.

Perciò, non solo sono un dipendente da videogiochi, ma sono un pessimo dipendente da videogiochi. Se vedere scime123123 come avversario, aspettatevi di vincere e vi disprezzerò per questo.

A tutti i miei fratelli e sorelle che soffrono con me per questa dipendenza, unitevi!! Create gruppi, scrivete una lettera al Congresso e, soprattutto, informate la vostra assicurazione sanitaria. Se siamo in tanti a lamentare questo problema, forse ci daranno dei permessi per curarci! ”

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*