Soppia la polemica sulle donne tra finiani e Pdl COMMENTA  

Soppia la polemica sulle donne tra finiani e Pdl COMMENTA  

Lorenzin

Le ministro donna del Pdl

Non c’è pace tra il Pdl e gli amici nemici di “Futuro e Libertà”. Dopo il grande gelo tra Berlusconi e Fini adesso è la volta di una polemica tutta rosa. Protagoniste le donne dei due gruppi parlamentari che, sulle orme dei loro leader, danno segnali di mal sopportazione. A innescare la polemica le dichiarazioni di Barbara Contini, ex governatrice della provincia irachena di Dhi Qar, dove si trova la città di Nassirya. Eletta senatrice nel 2008 come capolista del Pdl in Campania è stata una dei dieci senatori che a Palazzo Madama hanno dato vita al gruppo di Fli. Intervistata da Kaus Davi, oggi, non è stata di certo tenera con le ex colleghe di partito.

Nel Pdl, ha detto, non vedo donne che possano confrontarsi con il Presidente Berlusconi in modo franco e dialettico, in modo diretto. Nel Pdl non amano le donne forti, in gamba, le donne con idee. Ne hanno paura. E questo è colpa di uomini piccoli”. Un attacco che non salva nessuno. “Spazi per donne autonome comunque in quel partito ne vedo zero. Quanto a quelle che fanno carriere su tacchi a spillo e armate di minigonne – conclude – dico: mi dispiace per la gente, per gli elettori, per chi avrebbe voluto rappresentanti competenti e all’altezza”.

Le risposte non si fanno attendere. “Trovo ingiuste le parole della collega Barbara Contini nei confronti delle deputate e delle senatrici del Pdl. Ella, come altre, è alla sua prima legislatura, mentre molte di noi hanno già una anzianità”. E’ la replica della deputata del Pdl Jole Santelli. “Mi spiace che a trionfare debba essere – conclude Santelli – il classico lungo comune della bellezza che apre le porte. Il lavoro, la costanza e la pazienza fanno altrettanto ma costano fatica”.

Ancora più dura la deputata Beatrice Lorenzin. “Sorprende che proprio da una donna eletta nel Pdl”, attacca la Lorenzin, “come tutte quante noi, provenga un attacco che denota una misoginia di fondo“. “Feriscono particolarmente le affermazioni di un esponente donna del mio stesso partito che mostra una mancanza di rispetto nei confronti delle decine di migliaia di iscritte al Pdl e delle tante elette in ogni ordine e grado che ogni giorno, con sacrifici, portano avanti battaglie importanti a favore delle donne e della società, ridotte malevolmente da Contini a una caricatura di femmina sui tacchi a spillo”.

Amareggiata e arrabbiata. Così la deputata Barbara Saltamartini, responsabile delle donne del Pdl, commenta le parole di Barbara Contini. “Ho sempre avuto grande stima e rispetto per la senatrice Barbara Contini”, dice la deputata del Pdl, “ma le sue dichiarazioni di oggi mi deludono profondamente. Sono amareggiata e anche arrabbiata nel leggere tali affermazioni anche perché pronunciate da un esponente politico che neanche conosce tutte le parlamentari del Pdl”.

“I tacchi a spillo logorano chi non ce l’ha…”. Daniela Santanchè sceglie l’ironia per replicare alle le critiche della senatrice Contini. “Alla Contini consiglio quindi – dice quindi il sottosegretario al Programma di governo – un bel paio di tacchi a spillo dato che per portarli ci vuole equilibrio e anche coraggio”.

“Si tratta di una considerazione talmente ingiusta e sganciata dalla realtà che non meriterebbe alcun commento. Purtroppo questo teatrino delle donne che attaccano le altre donne in politica con argomenti pretestuosi e strumentali sta diventando una fastidiosa consuetudine”. E’ la risposta del ministro della Gioventu’, Giorgia Meloni.

L'articolo prosegue subito dopo

Foto @

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*