Sorpresine Kinder anni ’90: le Tartallegre e i Coccodritti da collezionare

Infanzia

Sorpresine Kinder anni ’90: le Tartallegre e i Coccodritti da collezionare

Le sorpresine degli ovetti Kinder hanno fatto e continunano a far divertire generazioni intere ma quelle degli anni ’90 restano probabilmente le migliori. Oltre alle sorprese ‘montabili’, piccoli giochini che, seguendo le istruzioni, andavano realizzati seguendo alcuni semplici passaggi, le sorprese più ricercate ed apprezzate erano in particolare le serie dei personaggi da collezionare. Vennero introdotte negli anni ’90 perchè alcuni dei giochi in pezzi erano potenzialmente pericolosi per i bambini in virtù delle dimensioni ridotte dei pezzettini da montare. Invece i personaggi da collezionare non andavano montati: erano delle splendide miniature dipinte a mano di bellissimo aspetto e ricche di dettagli, che venivano diffuse, di serie in serie, periodicamente, per consentire ai bambini di trovarle tutte e poterle collezionare.

Ogni serie era identificata da un nome e comprendeva mediamente otto/dieci personaggi: indimenticabili sono le Tartallegre, tra le più amate dai bambini, ma anche i Coccodritti ed i Coccobulli, e come dimenticare gli Squalibabà, gli Happypotami e le Ranoplà per arrivare ai Fantasmini fluorescenti? Il bello è che tantissime persone, che negli anni ’90 erano ancora bambini, hanno conservato queste sorpresine Kinder nelle bacheche di casa ed oggi le mostrano orgogliose ai loro figli. Ma non solo: anche gli adulti iniziarono a collezionarle, tanto che quesi personaggi hanno iniziato ad acquisire un valore economico e ad essere vendute nei negozi di collezionismo. Dunque chi oggi possiede alcune di queste serie complete anche del foglietto illustrativo e di alcuni oggetti abbinati ai personaggi, potrebbe avere tra le mani una piccola fortuna.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...