Sostieni il progetto “Dona un euro al mese per i bambini di Padre Garau” COMMENTA  

Sostieni il progetto “Dona un euro al mese per i bambini di Padre Garau” COMMENTA  

Ieri è stato presentato il progetto  ”Dona un euro al mese per i bambini di Padre Garau”, presso la Casa Famiglia ”San Giuseppe”, che ha sede a Palermo in via Encelado n° 12, in un locale che è stato confiscato alla mafia ed è ora assegnato all’associazione Jus Vitae Onlus. Durante la presentazione del progetto sono intervenuti il responsabile Territorio Sicilia di UniCredit, Roberto Bertola, il Presidente dell’associazione, padre Antonio Garau, e il vice Presidente Confartigianato Imprese Sicilia, Maurizio Uzzo.


L’associazione Jus Vitae Onlus si occupa del finanziamento delle colonie estive che ogni anno intrattengono e tolgono dalla strada numerosi ragazzi, organizzati in locali confiscati dalla mafia; si tratta di eventi che hanno un forte costo economico: il progetto ”Dona un euro al mese per i bambini di Padre Garau” permette il corretto avvenimento dei campi estivi. L’UniCredit per rispondere alla finalità dell’associazione Jus Vitae Onlus ha concesso l’esenzione totale delle commissioni per i bonifici effettuati sul conto corrente dell’associazione.


Il Responsabile Territorio Sicilia di Unicredit, Roberto Bertola, ha dichiarato che “Già dal 2010 la banca mette gratuitamente a disposizione IlMioDono.it, una piazza virtuale on line di supporto alla raccolta fondi, le associazioni no profit con un profilo serio hanno a disposizione gratuitamente una pagina web attraverso la quale possono presentare i loro progetti”.


”Vogliamo coinvolgere tutti, per questo rivolgo un appello a Zamparini – ha sottolineato padre Antonio Garau, Presidente dell’Associazione – affinche’ appoggi la campagna di donazione attraverso i 15mila abbonati al Palermo”, aggiungendo che ”non sento parlare piu’ di lotta alla mafia in senso concreto, non abbiamo fondi sufficienti per operare nei quartieri a rischio. Quest’anno abbiamo avuto il 50 per cento di donazioni in meno. E’ importante che ciascuno faccia qualcosa per lottare contro la mafia”.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*