Sostituti naturali degli antistaminici COMMENTA  

Sostituti naturali degli antistaminici COMMENTA  

Le persone hanno iniziato a fare affidamento sui prodotti farmaceutici per il trattamento di qualsiasi cosa, da dolori lievi fino ad utilizzarli per l’alleviamento di artriti e infezioni. Molti di questi farmaci hanno degli effetti collaterali gravi e sono costosi. Rimedi naturali, integratori alle erbe, vitamine e integratori minerali possono svolgere le stesse funzioni con minori rischi. Gli antistaminici inibiscono le istamine che vengono rilasciate dal corpo in risposta agli allergeni.

Antistaminici

Una volta esposti a sostanze come polvere, polline e muffa, il sistema immunitario produce istamine. Queste causano gonfiore e lacrimazione degli occhi e del naso e sinusite. Gli antistaminici bloccano il rilascio di istamine prima che possano causare problemi. Ci sono dozzine di antistaminici sul mercato, ma sono disponibili anche i loro naturali sostituti.


Vitamine e antiossidanti

Le vitamine come la C e la E contengono agenti antistaminici naturali. Quando assunti con antiossidanti come la quercetina, il carotene e il selenio, c’è meno bisogno di prendere farmaci. Queste sostanze riducono la gravità degli attacchi dell’istamina contro l’organismo. Riducono anche il numero di istamine che vengono rilasciate quando gli allergeni vengono introdotti nell’organismo.


Erbe

Gli integratori a base di erbe alleviano gli effetti che l’istamina ha sull’organismo. Il partenio è un’erba fiorita europea utilizzata come antistaminico e antinfiammatorio. Il partenio riduce il rilascio di istamina nei vasi sanguigni. La camomilla è un agente antinfiammatorio che riduce l’infiammazione dei seni nasali durante gli attacchi allergici, anche se è usata più comunemente come infuso.


Pulizia

Tenere pulite le cavità nasali è un altro modo per ridurre gli effetti dell’istamina. Sciacquare i seni nasali con un misto di 4 once di acqua calda, 1/4 di cucchiaino di sale e 1/4 di cucchiaino di bicarbonato di sodio. Questo può essere fatto uno o due volte al giorno.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*