South Carolina, Gingrich batte Romney COMMENTA  

South Carolina, Gingrich batte Romney COMMENTA  

Newt Gingrich, vincitore delle primarie repubblicane in South Carolina

Newt Gingrich ha vinto le primarie repubblicane in South Carolina con il 40,4% dei consensi, precedendo il grande favorito Mitt Romney con il 27,9%, Rick Santorum con il 17% e Ron Paul con il 13% dei voti.


Dopo la vittoria l’ex speaker della Camera ha parlato come se avesse la vittoria finale in pugno: “Sono pronto a sfidare Obama”, ha assicurato Gingrich prospettando un futuro tutt’altro che roseo per gli Stati Uniti in caso di una rielezione di Obama: “Dopo il disastro compiuto finora pensate quanto potrebbe essere radicale, ancora più a sinistra, Barack Obama se venisse rieletto per un secondo mandato”.


Nonostante il riconteggio dei voti nello Iowa avesse dato la vittoria a Santorum, Mitt Romney può contare sull’appoggio di 31 delegati, contro i 26 di Gingrich. La corsa alla nomination repubblicana resta aperta: ognuno dei candidati può contare su una vittoria a testa.


Per non offrire l’immagine di un partito repubblicano diviso fra conservatori e moderati Gingrich ha teso la mano ai suoi avversari: “Davanti al risultato hanno fatto dei discorsi che condivido, Santorum sa di Iran più di tutti, Ron Paul merita attenzione quando parla di soldi e Romney è un grande esempio di americano”.

La prossima tappa delle primarie repubblicane sarà la Florida, Stato nel quale le pubblicità elettorali costano parecchio, tanto da far sì che Gingrich facesse appello ai suoi sostenitori, affinché finanzino la sua campagna per la nomination repubblicana.

L'articolo prosegue subito dopo


Newt Gingrich, vincitore delle primarie repubblicane in South Carolina

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*