Spagna: prete fa sesso orale con un ragazzino. Il video di un ciclista

Attualità

Spagna: prete fa sesso orale con un ragazzino. Il video di un ciclista

prete

Un prete viene sorpreso da un ciclista mentre, sul ciglio di una strada, fa sesso con un ragazzino. Il video del ciclista fa il giro del mondo.

Il prete e il ragazzino

La storia risale al maggio del 2013. Ci troviamo in Spagna, in un paesino vicino Murcia chiamato Churra. Su una strada sterrata c’è un ciclista che sta pedalando tranquillamente, quando una strana scena colpisce la sua attenzione e lo costringe a fermarsi. Al bordo della strada ci sono un prete e un ragazzino. Il prete ha i pantaloni calati e il ragazzino sta praticando del sesso orale al prete. Il ciclista è sconvolto e inorridito da questa immagine, ma ha la prontezza di riflessi per prendere il cellulare e filmare la situazione. Quando il prete e il ragazzino si accorgono di essere stati sorpresi si rivestono frettolosamente, ma ormai nel video c’è abbastanza e il ciclista lo posta su Youtube. Da quel momento la notizia fa il giro del mondo.

Il video e le conseguenze

In breve tempo il video postato dal ciclista, Alejandro Mejiasum, ha raggiunto 650mila visualizzazioni.

Ma la cosa più importante è che quelle immagini sono arrivate anche ai piani alti della curia e per questo sono stati presi dei provvedimenti. Il prete, Francisco Javier Ruizun, è stato cacciato e sostituito da un altro prete, Antonio Ballester Serrano. La decisione è stata presa dal vescovo di Cartegna, Jose Manuel Lorca Planes. Fino alla fine del processo, religioso e civile, padre Ruizun sosteneva di non essere lui nel video. Ma le immagini non lasciavano dubbi e perciò, nonostante la difesa disperata di padre Ruizun, è stato cacciato dal sacerdozio e dalla sua chiesa. Il nome del ragazzo non è mai stato fatto, o almeno non è stato diffuso né sui giornali spagnoli né su quelli italiani. La vicenda sembra essersi conclusa così.

Oggi

Nonostante tutto sia finito e sembra che giustizia sia stata fatta, il video non smette di portare scalpore in giro per il mondo e continua ad essere diffuso sui social e sulle varie testate giornalistiche.

Il video non sorprende, perché purtroppo non è la prima notizia di pedofilia nella Chiesa che si sia sentita in questi ultimi anni. Ma il più delle volte gli atti di pedofilia vengono tenuti nascosti, mentre invece il video mostra in diretta l’atto vergognoso commesso dal prete. Forse la cosa che sciocca di più è vedere concretizzato con i propri occhi quello che la Chiesa per molto tempo ha negato e che, anche quando ha iniziato a riconoscere, non sempre ha punito in maniera ferma. Questa volta, per fortuna, il prete ha ricevuto la punizione che meritava e perciò questa storia si può dire conclusa per il meglio. Ma quanti altri casi rimarranno nell’oblio? Non serve una telecamera puntata per scoprire questi misfatti: servirebbero più controlli fatti dalla Chiesa stessa e l’ammissione delle proprie colpe. Il prete della Murcia è solo uno dei tanti che nel mondo commettono atti di pedofilia: speriamo che tutti vengano infine puniti come meritano.

(Ci sono notizie di delitti ben più preoccupanti: “Giornalista scomparsa, trovato il corpo smembrato: sospetto delitto“)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche