Spagna, stallo in politica: negata la fiducia al premier Rajoy COMMENTA  

Spagna, stallo in politica: negata la fiducia al premier Rajoy COMMENTA  

spagna mariano rajoy

Ancora un nulla di fatto circa la situazione politica in Spagna. Negato il voto di fiducia al premier Mariano Rajoy. Maggioranza ancora da fare.

Si fa più concreta l’ipotesi di una nuova consultazione elettorale in Spagna. Dai precedenti voti di dicembre 2015 e giugno 2016 non è uscita una maggioranza parlamentare stabile e, al momento, il Partito Popolare dell’attuale premier Mariano Rajoy non sembra in grado di realizzarla.

Leggi anche: Spagna, Rajoy di nuovo senza fiducia. Verso nuove elezioni


Il Parlamento non ha raggiunto un accordo neppure nell’ultima seduta di ieri, con il partito dei socialisti guidato da Pedro Sanchez che ha negato la fiducia a Rajoy, fermo a 6 seggi dalla maggioranza assoluta. Resta, ma non basta, l’alleanza con la formazione di centro di Ciudadanos. “La Spagna ha bisogno di un governo” ha detto in aula Sanchez, “ma non di un cattivo governo”. Contro i popolari di Rajoy hanno votato anche Podemos e le formazioni indipendentiste.

Leggi anche: Elezioni in Spagna, Rajoy rivendica il diritto di governare


Ora l’appuntamento è per venerdì, con una ulteriore consultazione. Se il Parlamento confermerà il voto di ieri, a breve la Spagna potrebbe essere costretta a tornare alle urne.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*