Sparatoria in Francia: tre uomini aprono il fuoco alla stazione di Nimes. La prefettura smentisce

Esteri

Sparatoria in Francia: tre uomini aprono il fuoco alla stazione di Nimes. La prefettura smentisce

polizia nimes francia

Uomini armati hanno aperto il fuoco alla stazione di Nimes in Francia, lo riferiscono i media internazionali

Paura in Francia dove tre uomini avrebbero aperto il fuoco nei pressi della stazione di Nimes. Al momento non è chiaro se si tratti di terrorismo ma la notizia è riportata dai media internazionali che parla della possibilità di tre persone armate e di una sparatoria o comunque di colpli di arma da fuoco uditi nella zona. Sembra che uno dei tre avesse un fucile d’assalto: la polizia sarebbe riuscita ad arrestare un uomo mentre gli altri due sarebbero in fuga.

L’area è stata immediatamente evacuata e transennata dalle forze dell’ordine francesi che hanno ordinato alle personi presenti all’interno della stazione di uscire e allontanarsi. Non si hanno al momento altre informazioni ma seguiranno aggiornamenti in tempo reale: la polizia avrebbe evacuato la stazione e starebbe effettuando una serie di controlli per verificare l’eventuale presenza di ordigni. L’allarme arriva a poche ore dalla conclusione della cronosquadre della Vuelta. Segnaliamo che è tutto ancora da chiarire e verificare, e non è da escludere che possa anche trattarsi di un falso allarme dettato dal nervosismo e dalla tensione legati ai recenti attentati avvenuti in Spagna, Finlandia e Russia nelle ultime 48 ore.

Aggiornamento: La prefettura di Gard in Francia smentisce, con un tweet, la notizia di una sparatoria alla stazione di Nimes, precisando che è in corso un’operazione di verifica dopo una segnalazione sospetta.

Non è chiaro se sia stato visto un uomo armato, poi fermato dalla polizia: nel frattempo la stazione è stata riaperta.

Isis: l’annuncio via Telegram, Italia prossimo obiettivo

Come riferito dal Site, il sito Usa diretto da Rita Katz di monitoraggio dell’estremismo islamico sul web, un canale della piattaforma Telegram legato all’Isis indicherebbe l’Italia come prossimo obiettivo. Nelle zone più affollate di Milano è stata ulteriormente aumentata la sicurezza e sono state posizionate barriere antisfondamento in Galleria Vittorio Emanuele e nelle vie limitrofe a piazza Duomo, compreso lato Cordusio via Mercanti. Nelle prossime ore potrebbero essere posizionate ulteriori barriere ‘di difesa passiva’ anche nella zona della Darsena. Già alcune barriere erano state installate a dicembre, dopo il drammatico attentato ai mercatini di Natale di Berlino.

Anche a Roma, nei punti più sensibili della città, potrebbero essere presto installate barriere, come new jersey o fioriere, in via del Corso e in via dei Fori Imperiali.

In programma vi è anche un rafforzamento delle misure di sicurezza in piazza del Campidoglio, l’ipotesi è quella di interdire l’accesso alla piazza alle auto a noleggio e di vietare l’accesso dalla strada che sale da via della Consolazione. Unica deroga, quella al trasporto dei disabili.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche