Spari al Gay Village di Roma: sicario in moto, nessun ferito COMMENTA  

Spari al Gay Village di Roma: sicario in moto, nessun ferito COMMENTA  

Episodio tutto da chiarire nella notte a Roma. E’ accaduto al Gay Village dove un centauro ha aperto il fuoco contro gli uomini della sicurezza. Il sicario, irriconoscibile, perchè coperto con un casco integrale ha sparato per poi allontanarsi in tutta fretta, lasciando però sul posto la pistola. E’ accaduto alle 5 di sabato mattina, mentre lo spazio del Gay Village stava chiudendo. Una serata non facile perchè caratterizzata da una rissa di una quindicina di persone; una vera e propria rissa tra bande che sembrava però essersi conclusa.


Invece a manifestazione conclusa, (con le esibizioni di Paola Turci e Cecile), improvvisamente un centauro ha sparato tre colpi di pistola nella zona di via delle Tre fontane, dove è presente un’uscita secondaria.

Una strada buia e senza telecamera: è panico nel parhceggio con gli uomini della sicurezza che provano a rincorrere il motociclista per alcune decine di metri senza però riuscire a raggiungerlo.

Loro sono a piedi e lui è in moto, e quando salgono sull’automobile il sicario ha fatto perdere le sue tracce a bordo di un Tmax nero.

L'articolo prosegue subito dopo

Le guardie giurate recuperano però la pistola, lasciata a terra e poco dopo arrivano gli agenti del Commissariato Esposizione che acquisiscono le immagini delle telecamere della zona dell’Ente Eur. Le indagini sono scattate, con il supporto degli esperti della scientifica, al lavoro sulla pistola che potrebbe essere stata gettata o che sarebbe caduta; ma il sicaro in fuga non ha avuto tempo per riprenderla. Pare che sulla moto vi fossero due persone; in quel momento nell’area erano presenti le pattuglie di un istituto di vigilanza privata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*