Spavento per Mick Schumacher nei test di Formula 4 COMMENTA  

Spavento per Mick Schumacher nei test di Formula 4 COMMENTA  

Ha perso il controllo della monoposto che guidava sul circuito del Lausitzring, in Germania. Il figlio del campione di Formula 1, Michael Schumacher, è finito fuori pista durante la prima sessione del test di Formula 4, alla velocità di 160 km/h. Mick Schumacher, quindici anni, per fortuna non ha riportato alcuna conseguenza dall’incidente. Il team manager del pilota ha sottolineato che Schumacher è agli inizi della sua carriera, e che quindi ha ancora molto da imparare. La cosa positiva di questo ragazzo è che ha una grande voglia di imparare.

Leggi anche: ZTL Palermo: pass, permessi, targhe alterne, strade interessate


Il pilota della Ferrari Sebastian Vettel, nel commentare ciò che è accaduto al figlio di Schumacher, ha messo in evidenza che il cognome del giovane Mick renderà la sua carriera in Formula 4 molto più impegnativa del normale.

Leggi anche: Ztl a Palermo, da Ottobre: quali le aree interessate

Mick aveva guidato per sette ore senza alcun problema prima dell’incidente, che lo ha costretto a chiudere anticipatamente la giornata.

Leggi anche

SQUIRTING.
News

Squirting: cos’è e in cosa consiste

Che cos'è lo Squirting? Qual è il modo migliore per praticarlo e in cosa consiste? Scopriamo insieme tutti i segreti dello Squirting. "Squrting" è una parola inglese che identifica l'eiaculazione femminile, cioè la fuoriuscita di una grossa quantità di liquido dai condotti intorno all'uretra durante l'arrivo dell'orgasmo. Il fenomeno è ancora molto studiato e ricercato poichè gira intorno alla possibilità dell'esistenza del Punto G a cui ancora moltissimi medici non sanno dare spiegazione. Il liquido che viene espulso appare a "getto" poichè esce attraverso le contrazioni muscolari involontarie, tipiche degli organi genitali femminili. Secondo gli studi fatti sul corpo femminile Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Spavento per Mick Schumacher nei test di Formula 4 | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*