Spawn e l'eterna lotta tra il bene e il male - Notizie.it

Spawn e l’eterna lotta tra il bene e il male

Cinema

Spawn e l’eterna lotta tra il bene e il male

Avete mai letto, visto il film o guardato una puntata della serie Spawn? Il film è stato lanciato, pensate un po’, nel lontano 1997, ma mai come oggi attuale. In definitiva volete sapere di cosa parla la storia di Spawn? Spawn narra dell’eterna lotta tra il bene e il male. Attenzione, però, sappiate che la lotta tra il bene e il male non potrà mai avere un epilogo. Che cosa state immaginando? che nella lotta tra il bene e il male vinca il bene? Dunque questo è sbagliato. Nella lotta tra il bene e il male, non vince né il bene, né il male, ciò che vince è l’equilibrio!

Freud parlava dell’uomo come di un contenitore di impulsi, di forze, che lui chiama istinti. Il carattere, la personalità, dell’essere umano si forgia attraverso la capacità di armonizzare questi due istinti: istinto di morte, istinto di vita.

L’Eros, l’istinto di vita, la spinta alla vita, la forza tendente alla conservazione della specie e dei suoi tratti migliori.

Il Thanatos, istinto di morte, spinta verso l’autodistruzione.

Eros e Thanatos sono le due grandi spinte che muovono l’essere umano e i suoi comportamenti. Secondo Freud, più un essere umano è evoluto, più è in grado di controllare i suoi istinti.

E ora torniamo a Spawn, che può essere considerato un moderno e modello fantasy di uomo freudiano.

Purtroppo, a mio modesto avviso, la realtà è molto più complessa la giorno d’oggi di quanto avesse ipotizzato Freud nel tardo mondo ottocentesco.

Ognuno di noi si trova a fronteggiare i suoi demoni ogni giorno, proprio come Spawn. Vorrei tanto che i nostri antagonisti si chiamassero Malebolgia o Jason Win. E invece combattiamo contro mali ben più insidiosi, con nomi ben più complessi: ansia, depressione, tumori, mali della mente, dell’anima che rendono malato il mondo.

Qualunque sia il vostro modo di combattere, non giudicatelo, accoglietelo e accogliete la sofferenza che nasce dal non essere perfettamente capaci di rispondere ai bruschi cambiamento dell’adattamento rimanendo sempre in piedi impavidamente.

Siate gentili con voi stessi e i vostri piccoli e grandi disagi. Come la febbre, essi rappresentano un campanello d’allarme. La punta dell’iceberg di quello che il nostro corpo è in grado di tollerare e combattere.

Cosa vi dice il medico di famiglia quando lo chiamate per chiedergli per la febbre? ” Le lasci fare il suo corso per due o tre giorni, se persiste vediamo che cura fare” E sapete perché risponde così? La febbre è già una reazione. Non ce ne accorgiamo, ma il nostro corpo sa stare in piedi in mezzo alla tempesta, è molto più saggio ci ciò che la nostra mente inconsapevolmente gli suggerisce.

ecco il link del trailer di Spawn, come sempre vi consiglio di vederne una versione in lingua originale con sottotitoli in italiano, tutta un’altra cosa 😉

http://www.youtube.com/watch?v=UBq9zP640xo english trailer

http://www.youtube.com/watch?v=SUSEByADfPQ una scena in italiano 😉

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Paola Pinto 33 Articoli
Ho trent'anni, adoro il rosso, dipingere, parlare e raccontare storie, spiegare le cose ai più piccoli e a tutte le persone curiose di apprendere. sono psicologa, psicoterapeuta in formazione e dottoranda in scienze dell'educazione. Lavoro con bambini e adolescenti, soprattutto con quelli che hanno problemi a scuola per difficoltà e disturbi dell'apprendimento e problemi a socializzare con i coetanei. se vuoi saperne di più, sul mio lavoro e sui miei articoli contattami: paolapinto6@gmail.com