Spending review, in corso la lista dei tagli COMMENTA  

Spending review, in corso la lista dei tagli COMMENTA  

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi deve fare i conti ora con uno dei nodi più difficili, ovvero la lista dei tagli. Già dal primo momento in cui aveva ipotizzato alcune spese da eliminare, sono nate numerose critiche, il che ha costretto il sindaco di Firenze a intervenire, affermando che per il momento si sta semplicemente facendo una lista dei possibili tagli, ma ci sarà poi una’analisi molto approfondita e solo dopo tutto ciò lui e i suoi fedelissimi decideranno come intervenire e su quali punti.


Partita del cuore 2013

Quasi sicuro sarà il taglio dell’Irpef per chi guadagna meno di 1500 euro al mese, che si presume abbia già un posto assicurato all’interno della spending review che il premier presenterà in parlamento il prima possibile. Questo aiuterà il mercato interno a ripartire, facendo girare l’economia grazie a un aumento degli stipendi, che dovrebbe aggirarsi intorno agli ottanta euro mensili.


Poi rassicura i mercati e l’Unione Europea, affermando che non ci sarà lo sforamento del 3% sul rapporto deficit/PIL, ricordando poi che ci sono molti altri Paesi che lo hanno sforato senza troppe lamentele, come la Francia che è arrivata al 4%. Questo discorso lo ha fatto al Parlamento in vista degli appuntamenti a Bruxelles a cui sarà presente nei prossimi giorni, in cui si parlerà di politica, economia ma anche della situazione dell’Ucraina.


di Alessandro Bovo

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*