Spese pazze Regione Lombardia: processo per Nicole Minetti e Renzo Bossi COMMENTA  

Spese pazze Regione Lombardia: processo per Nicole Minetti e Renzo Bossi COMMENTA  

Cinquantasei ex consiglieri della Regione Lombardia sono stati rinviati a giudizio per le presunte “spese pazze” compiute utilizzando i rimborsi regionali. Le accuse a carico dei consiglieri lombardi sono di truffa e peculato. Il processo comincerà a fine luglio: tra gli imputati vi sono anche il figlio di Umberto Bossi, Renzo, soprannominato “il trota” e l’ex consigliera azzurra Nicole Minetti.


A Luglio, davanti ai giudici della decima sezione penale compariranno anche l’ex presidente del Consiglio regionale Davide Boni, gli ex assessori della giunta Formigoni Massimo Buscemi, Romano Colozzi, Giulio Boscagli, l’ex consigliere del Carroccio Stefano Galli.


Pochi di questi consiglieri sono ancora in carico. Sono tutti accusati di aver utilizzato i fondi pubblici assegnati ai singoli gruppi regionali per spese personali, per un ammontare complessivo di circa tre milioni di euro.

Tra le spese effettuate l’acquisto di gratta e vinci, torroni, merendine con piadine e nutella.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*