Spettacolare 4-4 tra Inter e Palermo

Inter

Spettacolare 4-4 tra Inter e Palermo

Quattro reti per Milito
Quattro reti per Milito

In una partita di altri tempi, l’Inter viene fermata anche dal Palermo e vede assottigliarsi ulteriormente le già scarse possibilità di accostarsi alla vetta della classifica. Se il 4-4 finale farà felici gli spettatori in cerca di emozioni, di sicuro non piacerà a Claudio Ranieri che, con la sua Inter brutta ma vincente aveva saputo costruire qualcosa di importante nell’ultimo mese e mezzo, che oggi vede franare letteralmente sotto i colpi di un Miccoli letteralmente scatenato. E meno male che c’è un Milito formato extra-lusso altrimenti poteva finire anche peggio, per l’Inter, in una partita che è stata resa appassionante anche dalla scarsa tenuta di due difese messe probabilmente in grande difficoltà da un campo reso insidiosissimo dalla neve. Se ci si aspettava risposte sul rombo nerazzurro, esse possono dirsi arrivate, ma in senso negativo, tanto da costringere Ranieri ad accantonarlo dopo una ventina di minuti e a tornare ad un 4-4-2 più congeniale a Zanetti e compagni, che infatti dopo i primi venti minuti di grande difficoltà sembravano aver preso le misure al Palermo.

Non avevano però fatto i conti con un Miccoli tornato ai suoi migliori livelli, capace di rispondere con una tripletta spettacolare a Milito. Proprio sulla incredibile gara tra i due attaccanti, ha vissuto la partita di stasera, bissando le emozioni dell’andata e confermando le grandi difficoltà delle due difese a trovare le contromisure giuste: se all’andata era finita 4-3 per il Palermo, stavolta le due squadre hanno voluto metterci addirittura una rete in più, per un risultato abbastanza inutile per l’Inter e che potrebbe lasciare ulteriori strascichi negativi, vista la sostituzione di Snejider, avvenuta sul 3-3 e contestata visibilmente dall’olandese. A qualcuno sarà sembrato di rivedere un film già visto, quello che nella scorsa stagione portò alla formazione di un fossato nei rapporti tra Ranieri e Francesco Totti…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche