Spezie allucinogene

Guide

Spezie allucinogene

Derivato dalla parola “species”, nel medioevo il nome spezia indicava diversi prodotti alimentari di provenienza esotica. Fin dall’antichità, le spezie sono apprezzate come condimento culinario e per le loro proprietà medicinali, in tutte le culture del mondo. Le spezie hanno una lunga storia come medicinale e come farmaci da diporto. Le culture antiche, i greci, i cinesi, gli egiziani e i persiani, attribuiscono ad alcune spezie effetti allucinogeni e afrodisiaci.

Noce moscata

La noce moscata è una spezia aromatica utilizzata in cucina e per scopi medicinali. La spezia si ricava dal seme della Myristica fragrans, albero coltivato ​​nelle “Spice Islands”. La noce moscata raggiunse l’apice della sua popolarità come condimento tra i secoli 15 ° e 17 ° in Europa. La miristicina e l’elemicina, olii essenzili presenti nella noce moscata hanno blande proprietà allucinogene. La noce moscata può indurre un effetto allucinogeno se assunto in grandi quantità. Tuttavia in eccessive quantità, gli oli essenziali della noce moscata sono tossici e potenzialmente mortali.

In piccole quantità, la noce moscata è considerata un afrodisiaco. In medicina viene usata per aiutare la digestione e per il trattamento di nausea, vomito e diarrea.
Macis

Il macis ha un sapore simile alla noce moscata ed è ricavato dal rivestimento esterno del guscio della noce moscata. Anche se le spezie provengono dalla stessa pianta, il macis è più costoso per il suo scarso rendimento in volume. E’ più potente della noce moscata ed è spesso usato come suo sostituto con quantità minori . Come la noce moscata, il macis contiene gli oli essenziali di miristicina e di elemicina ed è leggermente allucinogeno in grandi quantità. Nella medicina tradizionale il macis è stato usato per aiutare la digestione, stimolare l’appetito, alleviare la nausea e nel trattamento del dolore.
Zafferano

Lo zafferano è la spezia più costosa al mondo. Selezionando con cura gli stimmi essiccati del fiore dello zafferano, ci vogliono circa 150.000- 200.000 fiori per produrre un chilogrammo di spezia.

Lo zafferano viene usato per condire i cibi, aromatizzare il vino, come colorante e come profumo, fin dai tempi antichi. La spezia inoltre è stata ampiamente usata per scopi medicinali. Le culture antiche credevano che lo zafferano avesse virtù curative ed effetti allucinogeni. Attualmente si pensa che causi euforia e ad agisca come afrodisiaco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*