Spiagge in città

 

Berlino.

Sdraiati su comodi lettini, sorseggiare un drink fresco e magari camminare nella sabbia? Siamo ai Caraibi? No siamo sulle rive della Sprea. L’ultima moda dell’estate berlinese sono i cd. beach bar, dalla spiaggia Mitte a est, a Playa Paradiso a ovest. E’ un solarium con divani bianchi, splendida vista città : questo è il Deck 5 Skybar. Poi c’è anche il Club Der Visionare i cui tavoloni galleggiano lungo il canale; infine affacciato sul fiume si può soggiornare all’Abion Spreebogen Waterside Hotel da € 70 la camera.

Leggi anche: Villa Magnoni, Ferrara: maledetta e stregata


 

Parigi.

Gli anni passano, le mode cambiano ma Parigi, la ville lumière rimane sempre molto affascinante in ogni momento dell’anno: in particolare dal 20 luglio al 19 agosto non c’è anno che passi senza il Paris Plage.

Leggi anche: Via Piana, Varese Schianno, piena di rifiuti: qualcuno vive lì di notte

800 metri di spiaggia attrezzata con lettini, ombrelloni e pronta ad accogliere sia turisti che i parigini rimasti in città. Sulla rive Droite  dal pont Neuf fino alla piazza dell’Hotel de Ville Sully.

Leggi anche: Classifica 13 case infestate in Italia

Sui canali a La Villette, spiagge, bouvette, serate musicali e campi per la pétenque (bocce). Sulla rive Gauche troviamo gli avveneristici Les Docks. Se poi vogliamo trascorrere un weekend nella capitale francese c’è il Melia Royal Alma Boutique Hotel da € 175 la camera.

Leggi anche

Villa stregata di Cona
Viaggi

Villa Magnoni, Ferrara: maledetta e stregata

A Cona, in provincia di Ferrara, seppellita nella vegetazione tra rovi ed edera, Villa Magnoni è un'antica villa signorile ora abbandonata e infestata. In provincia di Ferrara, a Cona, sepolta sotto una fitta vegetazione fatta di arbusti, alberi, edera e rovi che oramai è diventata un vero e proprio bosco, si trova, nascosta alla vista della Strada provinciale 22, il rudere di quella che una volta era una sontuosa villa signorile: Villa Magnoni. Nessuno sa a chi appartenga quest'edificio: secondo la gente del posto è ora proprietà della Croce Rossa Italiana, per altri appartiene al comune di Cona mentre secondo [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*