Sport dove si misurano le capacità di sopravvivenza

Sport

Sport dove si misurano le capacità di sopravvivenza

sport
sport

La corsa, il nuoto, l’arrampicata sono alcuni sport che, integrati con altre abilità, misurano le capacità di sopravvivenza di un individuo.

Survival è la principale disciplina sportiva con la quale si misurano le capacità di sopravvivenza di una persona. Attraverso tale sport si possono imparare regole e abilità per risolvere situazioni potenzialmente pericolose in ambienti naturali come il deserto, la montagna, ambiente glaciale, equatoriale o costiero. L’habitat generalmente selvaggio, ma che potrebbe tranquillamente essere quello cittadino, viene paragonato ad un campo di gioco di un qualsiasi altro settore sportivo. La differenza consiste nel fatto che in questo caso l’ambiente ha realmente dei pericoli. L’uomo, dunque, deve dimostrare di avere la capacità di scoprire, e successivamente risolvere, le diverse problematiche che si incontrano in ognuno di questi ambienti. La pratica della sopravvivenza mira a estendere le capacità innate di ogni essere umano di poter sopravvivere e vivere bene anche in un ambiente selvaggio, lontano dai comfort e dalle comodità.

Queste capacità possono variare sia per quanto riguarda l’aspetto esclusivamente tecnico sia quello psicologico, dalle abilità fisiche a quelle “esperienziali”, molte volte conosciute prima in forma teorica e poi messe in pratica.

L’idea primaria del Survival è quella di ripristinare attitudini dimenticate e assopite per imparare di nuovo da capo ad adeguarsi, ad improvvisare, a risolvere problemi di tipo sociale e a raggiungere uno scopo mediante l’associazione di una serie di attività in un solo ed unico progetto come le abilità del lanciare, l’arrampicata, la corsa, l’orientamento, il nuoto e la lotta. Questi sport, integrati con altre abilità come il primo soccorso, la sveltezza, la resistenza, il controllo emotivo, la pratica dei nodi, le pratiche di costruzione e manipolazione di oggetti, sono definite con “attività Eco-Dinamiche”. Esse influiscono direttamente sulla persona che vi si avvicina verso il consolidamento del temperamento, il superamento dello stress e dei fattori che generano disagio, l’aumento della propria capacità di “resilienza”.

I principi che governano questa pratica riguardano la psicologia e l’economia del comportamento, ed in particolare il “problem solving”, la destrezza nel risolvere velocemente i problemi, l’autonomia operativa e la capacità di cooperazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche