Stancanelli ad un bivio: senatore o sindaco?

Catania

Stancanelli ad un bivio: senatore o sindaco?

Un comune cittadino, dopo il ricorso al Tribunale di Catania, vince la causa in merito al doppio incarico di senatore e sindaco, di Raffaele Stancanelli, primo cittadino di Catania.

CATANIA – Il Signor Battaglia, semplice elettore, di professione bancario, ha fatto ricorso sulla questione del duplice ruolo rivestito da Stancanelli, cosicché la Consulta ha deciso in modo inderogabile di stabilire il divieto del doppio incarico per i Sindaci – parlamentari.

Contro il doppio incarico. “Questa è la vittoria della nostra società sulla politica”, avrebbe sintetizzato Salvatore Battaglia. I Sindaci – parlamentari non potranno, perciò, più avere un doppio incarico. E’stato deciso dalla Corte Costituzionale proprio sul caso del Sindaco di Catania, nonché Senatore Raffaele Stancanelli. I giudici componenti della Suprema Corte hanno praticamente reso nulla la legge n. 60 del 1953, nella parte in cui non prevede l’incompatibilità tra la carica di parlamentare e quella di primo cittadino di un Comune con più di 20.000 abitanti.


Come è noto, prima della decisione della Corte, la legge elettorale sanciva che un Sindaco di una Città superiore ai 20.000 abitanti non potesse essere candidato al Parlamento. Non prevedeva, però, il caso contrario, cioè un parlamentare eletto durante il suo mandato alla carica di Sindaco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...