Stash e Mandelli, pace e abbraccio in diretta radio COMMENTA  

Stash e Mandelli, pace e abbraccio in diretta radio COMMENTA  

Si è sfiorata la rissa, pochi giorni fa, tra il conduttore degli Mtv Awards Mandelli e il frontman dei The Kolors Stash, dopo il gesto di quest ultimo in diretta tv. Uno sputo alla telecamera, prima di abbandonare il palco senza ritirare il premio dedicato alla band, che non è piaciuto nè ai telespettatori nè tantomeno al conduttore, rimasto da solo sul palco visibilmente imbarazzato per la situazione imprevista; poco dopo i due hanno aspramente litigato venendo quasi alle mani ma fortunatamente, ad alcune ore di distanza dal battibeccho, tra Stash e Mandelli sembra essere ritornato il sereno.


I due infatti si sono presentati insieme alla trasmissione radio The Fight condotta da Alessandra Zacchino e Fernando Proce, in onda su Rtl e qui hanno fatto pace.

“Sono qui soprattutto – ha esordito Stash – per far capire alle persone che mi seguono che quello che hanno visto è un atteggiamento sbagliato, io non sono così.

Ho agito di impulso.  Pensavo volessero boicottare la mia esibizione. La rabbia ha preso il sopravvento e mi ha fatto vedere annebbiato. Non mi rendevo conto che dietro quello strumento c’era tanta gente, ho scelto il modo peggiore per esternare la mia rabbia”.

Poi i due si sono abbracciati, prima dell’intervento di Mandelli che ha aggiunto: “Non c’è stato nessun boicottaggio, i problemi tecnici succedono e quel video del backstage doveva rimanere nel backstage, riferendosi ad un filmato che mostra il conduttore urlare al frontman dei The Kolors.

L'articolo prosegue subito dopo

“Non volevamo che quella cosa uscisse per i fan dei The Kolors e di Mtv. Dimenticatevi quel filmato, la gente non può capire cosa è successo… Quello che è successo lo sappiamo noi e rimane fra noi, però la violenza fa schifo”. Poi l’intervento riappacificatore di Stash: “Siamo qui per farvi capire che è tutto apposto. Sono un fan di Francesco. Voglio ringraziare i fan che ci hanno votato comunque e forse hanno capito che era un gesto di ribellione verso qualcosa. Perdonatemi ancora per quell’immagine lì, non sono così. Il nostro lavoro è 80% passione e 20% duro lavoro, spesso non viene fuori ma è quello”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*