Stato-Mafia, le reazioni alle parole di Napolitano. Fini: «Esempio di imparzialità», Sonia Alfano: «Deve dimettersi» COMMENTA  

Stato-Mafia, le reazioni alle parole di Napolitano. Fini: «Esempio di imparzialità», Sonia Alfano: «Deve dimettersi» COMMENTA  

Giorgio Napolitano

Dopo che Giorgio Napolitano ha difeso la sua integrità e il comportamento del Quirinale rispetto all’inchiesta sulla presunta trattativa Stato-Mafia, le reazioni da parte del mondo politico non si sono fatte attendere.


Il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri si è schierata apertamente con il Presidente della Repubblica: «Sono pienamente d’accordo con il presidente Napolitano: il Quirinale è al di sopra di ogni sospetto».


Anche il Presidente della Camera Gianfranco Fini ha manifestato tutto il suo sostegno a Napolitano: «L’equilibrio, l’imparzialità e l’alto senso dello Stato con i quali Giorgio Napolitano svolge il suo mandato di massimo garante della Costituzione e di supremo Magistrato si manifestano in ogni occasione e sono alla base del rispetto e della gratitudine di cui gode tra tutti gli italiani».


Di tutto altro avviso l’europarlamentare Idv Sonia Alfano, presidente della neonata “Commissione Antimafia” del Parlamento europeo, che ha invitato senza mezzi termini il Presidente della Repubblica alle dimissioni: «Il Capo dello Stato  non ha capito quali sono le sue prerogative costituzionali. Risponde a persone processate mentre fa orecchie da mercante con i parenti delle vittime di mafia. Napolitano dovrebbe dimettersi, ha dimostrato di non essere imparziale».

L'articolo prosegue subito dopo


Lo stesso leader dell’Idv Antonio Di Pietro non ha avuto parole rassicuranti per il Capo dello Stato: «Il Presidente della Repubblica dovrebbe sapere bene che nessuno, neppure lui è al di sopra e al di fuori della legge. Prendiamo atto che avalla il comportamento dei suoi più stretti collaboratori che hanno tentato di interferire in una inchiesta penale in corso».

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*