Stato: spariti 24 milioni destinati all’otto per mille

Roma

Stato: spariti 24 milioni destinati all’otto per mille

Nel 2011 lo Stato italiano ha incassato 145 milioni di euro grazie otto per mille da impiegare, secondo quanto stabilisce la legge per : calamità naturali, fame nel mondo, assistenza ai rifugiati e conservazione dei beni culturali. Nonostante le disposizioni legali tuttavia, i soldi elargiti dagli italiani sono stati e continuano ad essere utilizzati per altri scopi, tra cui il finanziamento delle guerre in Afghanistan ed Iraq. Suscita scalpore il fatto che un terzo dei fondi sia stato devoluto alla Chiesa Cattolica per il restauro degli immobili, sebbene nel rendiconto della Cei ( conferenza episcopale italiana), sull’otto per mille sia presente la voce relativa appunto alla ” tutela beni culturali ecclesiastici”. Monti prova a metterci una pezza e boccia i progetti di associazioni ed enti ecclesiastici destinando 64 milioni di euro alla Protezione civile e 57 milioni all’edilizia carceraria per il miglioramento delle condizioni di vita dei detenuti. A conti fatti mancano 24 milioni di euro incamerati dal Governo Berlusconi , ma nessuno sa rispondere alla domanda: dove sono finiti?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche