Stefano Sollima, regista di Gomorra non guarda più serie tv COMMENTA  

Stefano Sollima, regista di Gomorra non guarda più serie tv COMMENTA  

Stefano Sollima, il regista di Romanzo Criminale e Gomorra, festeggia dieci anni della sua fortunata carriera. Può essere definito colui che ha rivoluzionato dando nuovo lustro alle fiction tv poliziesche italiane, adeguandole agli standard internazionali: ha riscosso un ampio consenso anche in quest’ambito, soprattutto con Gomorra.  La prima serie tratta dal romanzo di Saviano è stata acquistata in 130 Paesi, che vedranno anche la seconda a partire dal 10 maggio su Sky Atlantic. Infatti, spiega Sollima,  è stata pensata e girata fin da subito come un prodotto internazionale, ispirandosi al “ look delle grandi produzioni anglosassoni e francesi”.

Leggi anche: La città di Gomorra ha perso il suo appeal: calo del 13,9% di turisti nel 2008


Il regista ammette che attualmente vede poche, anzi praticamente nessuna serie tv italiane in quanto si è “un po’ stufato”: certo dopo aver avuto a che fare con quelle “vere” realizzate altrove, è in grado di fare un confronto . Non vorrebbe però continuare necessariamente con il genere poliziesco, ma gli piacerebbe sperimentarne altri come il western, l’horror e il thriller.

Leggi anche: Gomorra 3: ciak, si gira!

E lui, come abbiamo visto, di sperimentazione se ne intende già parecchio nel suo lavoro: ciò gli è stato anche riconosciuto invitandolo il 27 maggio a Milano al Wired Next Fest, il festival delle innovazioni in diversi ambiti quali nell’economia, nella scienza, nella politica, nell’intrattenimento, nella cultura.

Leggi anche

sopravvissuto-disastro-aereo
Esteri

Disastro aereo Chapecoense: il primo messaggio dell’assistente di volo sopravvissuto

E' stato uno dei disastri aerei più drammatici e terribili degli ultimi anni, quello avvenuto in Colombia, costato la vita a 71 passeggeri, molti dei quali erano giocatori o membri dello staff della squadra di calcio Chapecoense. Il volo avrebbe infatti dovuto portarli alla volta di Medellin, dove il Chapecoense avrebbe dovuto disputare la finale di Copa Sudamericana contro l'Atletico, ma l'aereo non è mai arrivato a destinazione, precipitando per cause ancora da definire (Un'inchiesta è stata aperta a tal riguardo. Tanti video mostrano qual'era lo stato d'animo sul velivolo poco prima della partenza. Come il filmato di Felipe Machado, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*