Stella fa l’escort in Svizzera: guadagno come un magistrato COMMENTA  

Stella fa l’escort in Svizzera: guadagno come un magistrato COMMENTA  

escort-fisco

Diventa frontaliera del sesso lasciando il suo lavoro da impiegata, e si crea una nuova vita in Svizzera. “Stella” (nome di fantasia) racconta la sua storia al “Corriere della Sera”: mentre i genitori credono che faccia un lavoro come tutti gli altri, la donna fa la spola tra l’Italia e la Svizzera intrattenendo facoltosi clienti.

Leggi anche: Cambia numero ma è quello di una escort: riceve chiamate hot


Non c’è alcun sfruttamento, nessun protettore che chiede i soldi che guadagna, Stella ha deciso di sua spontanea volontà di diventare escort per sopperire alle sue necessità. E anzi ammette di aver cominciato perché allettata dai guadagni facili: “ero affamata di denaro”, confida alle pagine del quotidiano.

Leggi anche: Efe Bal: da escort a cantante


In Svizzera Stella ha un appartamento in cui svolge l’attività di massaggiatrice: qui è tutelata, paga le tasse regolarmente e non c’è alcun problema a svolgere professioni come la prostituta. Anzi qui c’è protezione piena da parte delle forze dell’ordine. Rispetto ai precari che stentano ad arrivare a fine mese, Stella ha scelto un’altra strada e dichiara: “Il mio corpo è la mia azienda”. Gli introiti della donna a fine mese superano i dieci mila euro. Che dire? Alla faccia della crisi e della disoccupazione.


 

 

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*