Stendardo: rinuncia per una "buona causa" - Notizie.it

Stendardo: rinuncia per una “buona causa”

Attualità

Stendardo: rinuncia per una “buona causa”

 

Il difensore dell’Atalanta, ex giocatore della Lazio, Guglielmo Stendardo, rha rinunciato alla convocazione dell’allenatore Colantuono per la partita di Coppa Italia contro la Roma, perchè proprio ieri…aveva l’esame orale di avvocato.

Il problema è che in teoria a chi rifiuta la convocazione dovrebbe venire comminata una multa, in questo caso dalla società Atalanta Calcio e quindi dal suo presidente.

Su questo interviene il presidente del Coni, Gianni Petrucci: “Si può punire un ragazzo solamente perché ha esercitato un suo diritto?“. Se lo chiede, retoricamente, il presidente del Coni Gianni Petrucci, che si schiera dalla parte di Gugliemo Stendardo.

“Il calcio si prende troppo sul serio – ha detto Petrucci – Come si può dire, di fronte a una specializzazione come l’esame d’avvocato, che esiste un contratto? Certo che c’é, ma dov’é il buonsenso? Va invece fatto un applauso a una persona che, oltre la laurea, vuole fare il passo successivo molto importante”.

Stendardo è stato criticato dal suo tecnico, Stefano Colantuono, ed è assai probabile che venga multato ed escluso anche per la gara di domenica con la Juventus. “Conosco bene il presidente Percassi – conclude Petrucci – e mi appello a lui.

Siamo seri e sereni”.

2012, Guglielmo Stendardo, Atalanta, Ap/LaPresse

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche