Come stimolare neonato al seno COMMENTA  

Come stimolare neonato al seno COMMENTA  

Come tutte le mamme sanno, i neonati sentono come unico e primario bisogno quello di dormire, spesso dimenticando anche di nutrirsi al seno della madre.

Generalmente il neonato si attacca al seno alquanto di frequente trascorsi i primi giorni di nascita, si tratta addirittura di circa 8 se non più volte nell’arco della giornata.

Spesso però un neonato è così vittima del senso di sonno che può avere necessità di allattare molto meno dello otto volte. Questo si verifica per lo più nei casi in cui ad esempio il bambino sia nato con un peso al di sotto della media; oppure quando il travaglio e il parto siano stati un po’ più difficili.

Ancora, tra le altre ragioni di sonnolenza eccessiva del neonato vi sono l’assunzione di farmaci durante la nascita o più semplicemente quando, non attaccandosi bene al seno, non ha modo di lasciar fluire il latte in maniera tranquilla, per cui si disinteressa, oppure fa solo parte del suo temperamento.

Ovviamente al di là di ogni possibile motivazione, ciò che conta è che il neonato si nutra correttamente e che lo faccia circa otto-dieci volte nella giornata.

Per avere questo risultato, potrebbe essere necessario stimolare il bambino affinché si attacchi al seno in modo corretto. Ecco cosa fare: durante i primi momenti del suo risveglio, potreste approfittarne per attaccarlo al seno, creata anche un ambiente favorevole rilassante.

L'articolo prosegue subito dopo

E’ bene tenere il bambino in posizione verticale o seduto sul vostro tuo grembo, in modo tale che si senta protetto e a contatto con la madre, incoraggiatelo anche accarezzandolo dolcemente. Altro modo per stimolarlo potrebbe essere quello di spremere un po’ di latte sulle sue labbra poco prima che comincia ad allattare. Mentre è attaccato al seno, assicuratevi che lo sia correttamente e sostenete il seno con la mano, anche comprimendolo per facilitare il flusso di latte. Se notate che sta per riaddormentarsi, cercate di farlo poppare ancora per almeno altri dieci minuti.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*