Stop a blocco stipendi statali: è incostituzionale

News

Stop a blocco stipendi statali: è incostituzionale

Finisce l’era del blocco degli stipendi per i lavoratori della pubblica amministrazione, anche se non si può cancellare tutto ciò che è stato.

È quanto ha affermato la Corte Costituzionale, accogliendo il ricorso dell’Avvocatura di Stato, nel mettere nero su bianco che è “illegittimo il blocco dei contratti e degli stipendi della Pubblica amministrazione, ma non per il passato”.

“Stiamo aspettando l’ufficialità, ma è questione di tempo” afferma il segretario nazionale del generale di Confsal-Unsa Massimo Battaglia, “la Corte ha cancellato un’ingiustizia nei confronti dei lavoratori pubblici. È una piccola vittoria, ma per noi è anche un momento di commozione”, “I giudici hanno riconosciuto che l’eccezionalità ha un termine e questo termine finisce adesso”.

Insomma, va bene collaborare quando serve, ma ciò che rappresenta, di fatto, una misura eccezionale non può e non deve durare per sempre.

L’adeguamento ripartirà quindi dal prossimo anno e, fra le incertezze su quale sarà l’impatto sulle casse statali, la cifra dovrebbe aggirarsi attorno ai 900 milioni di euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche