Storia del libraio maratoneta COMMENTA  

Storia del libraio maratoneta COMMENTA  

 

Approfittando queste giornate di primavera, mi sono fatta una gita in quel di Pinerolo, ridente cittadina in provincia di Torino, ai piedi delle montagne. Li ho scoperto un luogo magico, fatto di 50 mila volumi e 30 mila titoli : è la libreria Volare di Marco Vola.Lui , 59 anni, laureato in marketing alla Scuola di amministrazione aziendale di Torino, una carriera ad altissimi livelli come manager alla Ferrero ed in altre aziende.

Ha smesso nel 1992 quando si è avvicinato al mondo della cartoleria. Ha frequentato la scuola per librai di Venezia, prima da studente poi da docente. Il 1° giugno 1996 apre la sua “Volare” una libreria di 400 metri quadrati con bar e ristorante.

Oggi Vola conta 8 dipendenti più 3 part-time e la signora Gina che si divide tra la libreria e l’insegnamento scolastico. Una squadra sempre in trincea, oggi più di ieri perchè l’impresa più difficile è resistere e rilanciare il prodotto.

Chi ha fatto vittime alla libreria Volare non è Amazon ma il rigido inverno che ha portato un calo del 20% sul fatturato. Il problema spiega il libraio è semplice: troppi best seller in uscita per Natale e nessuno ad inizio anno.

L'articolo prosegue subito dopo

L’unica soluzione è resistere, resistere, resistere; per fortuna Pinerolo è una citta che legge e in provincia ci può ancora concedere il lusso di essere generalisti. La parola d’ordine di Vola è differenziare, affiancare altre attività. Ecco perchè accanto ai libri ha associato cd e dvd, rinunciando in favore di uno spazio destinato al Centro Gioco Educativo, ed alla nascita di un mini-market alimentare di qualità, uno spicchio di cartoleria, una programmazione di incontri, il bollettino dei libri più amati, bar e ristorante. Quest’ultima è stata sicuramente l’idea più coraggiosa; aperto nel 2008 battezzato Volare con Flipot (nome del celebre ristorante dello chef Walter Eynard). La sua filosofia? Dare ai lettori tutte le possibilità aiutarli nelle ricerche trovare quel che non è disponibile, facilitare il loro cammino anche se a volte ” può complicare la vita”. I libri esposti sono divisi per settore; ogni sezione è in ordine alfabetico. Il lettore è cambiato; se prima chiedeva un giallo di un certo autore, oggi chiede un giallo a prezzo economico. La politica dei libri a prezzi stracciati ha avuto i suoi effetti, meglio vendere un libro a € 9,90 che nulla. Insistere su autout: servizi, qualità, competenza,incontri, il lavoro quotidiano dà grandi soddisfazioni. Parola di un maratoneta.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*