Storia della Cina: L'Era della disunione - Notizie.it

Storia della Cina: L’Era della disunione

Guide

Storia della Cina: L’Era della disunione

Nel corso della lunga storia della Cina, ci sono stati diversi intervalli di guerre e di instabilità seguiti da periodi di pace. L’era della Disunione è meglio conosciuta come il periodo dei Tre Regni, quando la dinastia Han cadde e scoppiò una guerra civile. I tre regni di Wei, Shu e Wu si sforzarono di riunire sotto un unico sovrano la grandezza della Cina. Tuttavia, è stato a causa dei combattimenti costanti di questo periodo che questi anni cono meglio conosciuti come l’Era della Disunione.

In seguito la Dinastia Han cadde a causa di rivolte contadine ispirate da credenze messianiche, spesso attingendo al Taoismo, che minarono e distrussero la dinastia Han. I Movimenti dei Turbanti Gialli nel 184 dC, dettero l’avvio al massacro di più di 500.000 persone, lasciando l’Impero indifeso e aperto alle ambizioni di dominatori indipendenti che si spartirono quei territori.

Lo stato di Wei non era cinese e iniziò un periodo di turbolenza politica e intenso cambiamento sociale e culturale dopo la caduta dell’impero Han nel 220 dC, regno fondato dal marchese Wen di Wei.

Fu questo periodo che introdusse importanti nuove idee e istituzioni al di fuori del territorio nonché la riconsiderazione e reinterpretazione di tradizioni culturali cinesi.

Tuttavia, ci fu anche uno scoppio di innovazioni culturali durante lo stato di Wei. Quando la corte di Wei arrivò a Luoyang nel 494 dC, creò una nuova capitale in questa città, dove l’attività creativa era dilagante. Alti funzionari sono stati commissionati per preparare il progetto del palazzo e le divisioni della città. Gli edifici di design stravagante i parchi e gli stagni vennero progettati con grande cura insieme all’abbigliamento di corte, accessori e strumenti musicali utilizzati nei rituali di stato. Un certo numero di funzionari di elevato rango, furono impiegati per l’analisi dei testi classici. La progettazione e il corretto abbellimento dei palazzi, accessori ai riti di stato, e le carrozze e le barche per le processioni reali ed escursioni erano questioni di grande preoccupazione.

Uno dei motivi che può essere attribuito alla disunione nello stato di Wei è dovuto alla successione del sovrano.

Xianzu, l’imperatore Wei Xianzu, si ritirò improvvisamente nel 471 dC. Xianzu, che allora aveva circa 16 anni, fece prendere il potere al suo erede di quattro anni, il futuro imperatore Xiaowendi. Tuttavia, egli offrì in un primo momento il trono a suo zio, ma lo rifiutò a causa di una forte opposizione da parte della corte. Il periodo 465-67 è stato caratterizzato da una lotta di potere acuta a corte che, a quanto pare, quasi riuscì a scalzare Xianzu. Questa turbolenza politica è stata capeggiata da una fallita rivolta del primo cugino del padre di Xianzu, Toba Daofu, nel 467 dC.

Ci sono molte ragioni per cui questo periodo viene chiamato l’Era della Disunione, le lotte politiche senza fine, la guerra costante tra i tre stati potenti che combattono per la supremazia, le lotte della gente comune e lo sconvolgimento della cultura tradizionale cinese e i costumi. Tuttavia, è stato questo periodo che ha aiutato a formare la Cina nel paese potente e affascinante che è oggi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*