Storia delle Origini della Scrittura Cuneiforme

Guide

Storia delle Origini della Scrittura Cuneiforme

La scrittura Cuneiforme era l’antica forma di scrittura utilizzata nel Medio Oriente. I primi esempi di questo sistema di scrittura risalgono al 3000 a.c

La scrittura fu probabilmente inventata dai Sumeri ed è stata gradualmente adottata dai paesi limitrofi di Persia, Babilonia e Assiria. Ogni cultura ha modificato il sistema di scrittura in base alle proprie esigenze e ai propri linguaggi specifici, ma il risultato è stato che, intorno al 2000 a.c c’era una forma di scrittura cuneiforme in quasi tutti i paesi del Medio Oriente.

Questo sistema era relativamente semplice, venivano infatti stampati caratteri sull’ argilla bagnata di una tavoletta con uno stilo fatto di canna che aveva una punta a forma di rettangolo o triangolo.

La tavoletta era poi lasciata asciugare al sole e dopo l’essiccazione i caratteri visualizzati presentavano la tipica forma a cuneo, da cui questo sistema prende il nome. La parola “cuneiforme” deriva dalla parola latina “cuneo”.

Questa scrittura si sviluppò in un modo simile all’alfabeto e dei geroglifici in Egitto.

I caratteri erano immagini di oggetti concreti o pittogrammi che indicavano persone o animali. Questi erano molto difficili da disegnare, soprattutto sull’ argilla bagnata. Pertanto gli scribi semplificavano i simboli e spesso la forma dell’ oggetto che rappresentavano era così semplice che non aveva alcuna connessione con l’oggetto o la persona in se’.

Era per questo molto difficile a quei tempi, rappresentare le idee astratte e le azioni.

Il numero di caratteri nel sistema di scrittura cuneiforme è ulteriormente ridotto dall’uso dello stesso pittogramma che denotava messaggi diversi. Ad esempio, il disegno di un piede poteva significare una parte del corpo o poteva indicare l’azione di camminare, correre o semplicemente andare da qualche parte.

All’inizio dello sviluppo di questo sistema di scrittura, vi erano circa 2000 caratteri diversi utilizzati per scrivere i messaggi. Dal 2300 a.c. questo numero è stato ridotto a circa 600.

Ci sono esemplari di scritture cuneiformi che possiamo vedere ancora oggi e che risalgono a circa il VI secolo d.c. E’ possibile che fosse diventato un sistema obsoleto al tempo, con la novità del cristianesimo affacciatosi come una religione mondiale.

Questi reperti vennero scoperti solo nel corso di scavi archeologici effettuati in Medio Oriente nel XVIII secolo. Una delle scoperte più importanti furono le iscrizioni trovate su una parete rocciosa in Iran, che elencavano i risultati ottenuti da Dario il Grande. Il Tempio Rosso in Warka, Iraq, è anche un altro importante sito in cui è possibile vedere iscrizioni nella scrittura cuneiforme.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*