Strage di Bologna: lo Stato assente anche quest’anno COMMENTA  

Strage di Bologna: lo Stato assente anche quest’anno COMMENTA  

 

Il 2 Agosto 1980 alle 10,25 una bomba fece saltare in aria la stazione di Bologna. Furono accusati della strage i terroristi del Nar Francesca Mambro e Giuseppe Valerio Fioravanti, insieme al complice Luigi Ciavardini, che fecero esplodere una valigia contenente 25 chili di esplosivo.

Oggi Fioravanti, il killer fascista pronuncia una frase sconcertante : “ L’Associazione dei familiari delle vittime della strage è politicizzata. E il suo presidente, Paolo Bolognesi, cosa vuole? Perse la suocera, e come dice un mio amico la suocera non è una vera perdita”.

La frase tuttavia sarebbe stata smentita da Fioravanti stesso in un documentario intitolato “ Un solo errore” che sarà proiettato lunedì in Piazza Maggiore, luogo in cui 32 anni fa si celebrarono i funerali delle 85 vittime .Il documentario contiene tra le altre cose l’inedita intervista a Licio Gelli, il piduista, condannato per i depistaggi successivi alla strage.

Gelli; oltre a sollevare Mambro e Fioravanti da ogni responsabilità per l’eccidio, Gelli dice che i due “non hanno colpa”, e che secondo lui  a provocare l’esplosione sarebbe stato ” un mozzicone di sigaretta che è stata lanciata, c’è stato un surriscaldamento ed è esploso, perché la bomba, se c’era la bomba, ma qualche frammento si sarebbe trovato, no ?” poi spiega a proposito della P2: “noi abbiamo facilitato lo Stato italiano per tanto tempo” e che “il potere nelle mani lo avevamo avuto, era dovuto ai comportamenti amichevoli di quelli che avevano il potere.

L'articolo prosegue subito dopo

Ci avevano riconosciuto e consentito di nominare il capo dei servizi segreti”. A parte l’ovvio sconcerto derivante dalle parole di questi loschi figuri, è opportuno notare che purtroppo neanche lo Stato pare voglia ricordare la funesta ricorrenza: dal Governo Berlusconi, infatti l’unico a partecipare alla cerimonia nel 2009 è stato un Bondi, tra l’altro sonoramente fischiato. Da allora lo Stato non si è più visto, giustificandosi dietro motivi di sicurezza e sarà così anche quest’anno. A voi le conclusioni!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*