Strage negli Usa: un uomo spara all’impazzata causando 50 vittime

Esteri

Strage negli Usa: un uomo spara all’impazzata causando 50 vittime

Strage negli Usa

E’ tragico il bilancio della strage negli Usa, in un locale gay a Orlando. L’autore del massacro è Omar Mateen inserito dall’Fbi nella lista dei simpatizzanti Isis

Un nuova strage negli Usa ha sconvolto il popolo americano e causato la morte di 50 persone. Il fatto è accaduto a Orlando nello stato della Florida, dove un uomo, la cui identità sarebbe stata poi rivelata poche ore dopo, ha fatto irruzione in un locale gay aprendo il fuoco all’impazzata.
Solo l’intervento della polizia ha reso meno pingue il numero delle vittime. Le forze dell’ordine sono riusciti a placare l’ira omicida dell’uomo abbattendolo dopo un conflitto a fuoco.

La strage negli Usa è la peggiore strage di massa nella storia americana per numero di vittime. L’autore del folle gesto è Omar Mateen che dapprima si era barricato all’interno del locale gay, prendendo in ostaggi alcune persone, e pare che prima ancora di dare corso al massacro avesse effettuato una chiamata al 911 giurando la propria fedeltà alla causa dell’Isis.
Mateen aveva portato con se un fucile d’assalto, una pistola e un ordigno esplosivo.

Le ultime notizie parlano su Matten riportate dalla Cbs parlano di un uomo nato da genitori afghani tren’anni fa.

Al momento nessuna pista è esclusa. L’Fbi si starebbe muovendo su più ipotesi, fra le quali anche il possibile atto di terrorismo di matrice islamica.
Al momento dell’apertura del fuoco, Mateen avrebbe pronunciato frasi in cui ha inneggiato all’Isis secondo quanto si apprende dalla conferenza stampa del senatore repubblicano Adam Schiff, che fa parte della commissione di Intelligence alla Camera Usa. Si apprende anche che lo stesso autore della strage negli Usa sarebbe stato inserito nella lista redatta dall’Fbi relativa ai simpatizzanti dell’Isis.

Pare che l’uomo avesse usato un’arma analoga a quella usata da Adam Lanza nell’attentato di San Bernardino dove persero la vita 14 persone. Dal web intanto filtrano indiscrezioni sui festeggiamenti degli jihadisti che avrebbero inneggiato ad Allah definendo la strage negli Usa come il più bel regalo in vista del Ramadan.
.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche